Vax day, al via alle vaccinazioni

Una data storica quella del 27 Dicembre. La data del Vax Day, la campagna vaccinale contro il Covid-19. L’Italia, finalmente, ha iniziato le vaccinazioni anti-Covid, assieme agli altri paesi Ue. Ungheria e Slovacchia nelle quali sono partite l’altro ieri. Nel mondo 4 milioni di persone hanno già ricevuto il vaccino, con i contagi totali registrati dall’inizio della pandemia che hanno superato quota 80 milioni, con un numero di decessi elevatissimo:  oltre 1,75 milioni.

All’Istituto nazionale malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma i primi ad essere stati vaccinati sono stati  Claudia Alivernini, un’infermiera  romana di 29 anni,  la professoressa Maria Rosaria Capobianchi e l’operatore sociosanitario Omar Altobelli.

Un giorno importante e decisivo per la lotta a questo maledetto virus.

Le 9.750 dosi di vaccino Pfizer-BioNTech consegnate a tutti i Paesi europei oggi per il vaccino day rappresentano un numero “simbolico” in quanto la distribuzione vera e propria partirà dalla settimana che inizia il 28 dicembre e all’Italia arriveranno circa 470mila dosi ogni settimana.

Il commissario straordinario Domenico Arcuri allo Spallanzani di Roma precisa che il vaccino e’ gratuito per tutti ma non obbligatorio, e anche se ci saranno parecchie persone che preferiranno non vaccinarsi, il numero dei vaccinati sarà molto piu’ alto di coloro che preferiranno rinunciare. Per ottenere l’immunità di gregge è necessario che l’80% di italiani si vaccinino. La strada sarà sicuramente ancora lunga, ancora difficile, dovremo continuare a tenere alta l’attenzione ma ora possiamo vedere la luce in fondo al tunnel.

Ecco come ha commentato questa giornata il ministro della Salute, Roberto Speranza

“E’ la giornata che aspettavamo, che ci dà fiducia. Ma serve ancora tanta attenzione, ma oggi è un giorno bello. Oggi più che mai serve rispettare le regole, vediamo arrivare la luce del giorno, ma abbiamo ancora bisogno di resistere”.