PROBLEMI DI ERNIA IATALE? SCOPRI COSA MANGIARE E COSA NO

L’ernia iatale è il risultato del passaggio dello stomaco dall’addome fino al torace, si tratta di un piccolo foro nel diaframma, questa patologia è abbastanza diffusa e colpisce circa il 15% degli italiani.

Cosa mangiare per combatterla? Iniziamo con identificare 3 tipi diversi di ernia iatale:

quella da scivolamento, solitamente è di piccole dimensioni e non provoca sintomi nè dolore.

ernia da arrotondamento (paraesofagea) anche questa non da sintomi però potrebbero verificarsi problemi all’esofago.

ernia mista, è la forma più rara delle altre e quella che dà più problemi, nella maggior parte dei casi va risolta con un’operazione chirurgica.

INTESTINO IRRITABILE? ECCO ALCUNE CATTIVE ABITUDINI CHE LO INFLUENZANO

Questi fattori sono legati solitamente all’insorgere dell’ernia iatale

Obesità e sovrappeso
Tosse frequente
Cattiva postura da seduti
Tensioni frequenti, sollevamenti e sforzi
Cattive abitudini, come il fumo
Età avanzata (colpisce circa l’85% degli over 50)
Eredità e difetti congeniti, come l’eccessiva apertura dello iato esofageo

GASTRITE? SUCCO DI ALOE VERA PER RISOLVERE IL PROBLEMA


Quali sono i sintomi?

bruciore di stomaco
infiammazione del tratto inferiore dell’esofago
anemia, per sanguinamento di un tratto dell’esofago
ulcere
difficoltà nel deglutire
eruttazione
infarto del miocardio
extrasistole
anoressia
aerofagia
bocca amara
cattiva digestione
dispnea
disfagia
emorragia gastrointestinale
faringite
nausea
rigurgito acido
tracheite
vomito

ACQUA, LIMONE E BICARBONATO, IL MIX GIUSTO CONTRO LA CATTIVA DIGESTIONE

Per giungere ad una effettiva diagnosi è giusto sottoporsi all’esame endoscopico o  della gastroscopia. Prima di segnalare i cibi da assumere e quelli da evitare ricordiamo alcuni comportamenti che potrebbero abbassare la percentuale di rischio di incorrere in questa malattia.

Evitare pasti  abbondanti, soprattutto prima di andare a dormire, preferendo mangiare poco ma con frequenza;
Mantenere il peso forma magari sottoponendosi a diete se si dovesse essere sovrappeso;
Evitare cibi grassi che rendono la digestione difficoltosa e favoriscono il reflusso esofageo.
Fare attività fisica per migliorare il metabolismo;
Non mangiare subito prima di andare a dormire;
Masticare lentamente;
Preferire cibi cotti a vapore o al cartoccio, più salutari di quelli cotti con altre procedure;
Se si è mangiato troppo, fare una passeggiata di 30 minuti può aiutare la digestione;
No a fumo, alcolici, caffè e tè;
Eliminare le spezie come peperoncino, pepe o curry;
Consumare cibi a base di fibre e molti liquidi per prevenire la stitichezza.

Cibi consigliati
Banane e mele
Fagiolini, piselli, carote e broccoli
Cereali, come crusca e avena, pane , riso e pasta integrali
Latte parzialmente scremato o scremato e yogurt magro. In alternativa potete optare per il latte di soia
Albumi e sostituti dell’uovo
Formaggi privi di grassi, formaggio cremoso e panna acida senza grassi
Carne magra, pollo e pesce se non sei ovviamente vegetariano o vegano
Molta acqua
Dolci poveri di grassi
Cibi vietati
Agrumi come arance, pompelmi, limoni, mirtilli e tutti i succhi a base di questi frutti;
Cioccolato;
Alimenti grassi e fritti
Aglio e cipolla
Cibi piccanti
Menta piperita e menta verde
Pomodoro in tutte le sue forme come salsa, succo, su pasta o pizza;
Caffè, tè e alcolici
Bevande gassate
Prodotti a base di lattosio come latte intero, gelato e alimenti a base di panna.
Olio e burro

Seguendo questi semplici ed evitando i cibi che potrebbero peggiorare i sintomi, l’ernia iatale potrebbe curarsi senza farmaci, però è sempre consigliabile recarsi dal medico di fiducia per una corretta diagnosi.

FONTE