Natalia Estrada: come è oggi?

Negli anni Novanta era tra le protagoniste della televiosione. Al tempo sposata con Giorgio Mastrota era onnupresente in telelevisione, dal 2006 ha però abbandonato lo schermo televisivo.

Andiamo a scoprire come sta oggi, cosa fa e come è.

Natalia Estrada nasce in Spagna, a Gijón, il 3 settembre 1972.

Dopo il diploma arriva in Italia in cerca di successo. Partecipa al programma musicale di Rai 1 Discoring  e nel 1992 le viene offerta la conduzione del programma televisivo spagnolo Bellezas al agua sul canale Telecinco, che è però di proprietà della Fininvest.

L’anno seguente torna in Italia e presenta con il marito Giorgio Mastrota, il famoso Il gioco delle coppie. Ma il grande successo per Natalia Estrada arriva nel 1996, quando debutta al cinema nel film Il ciclone, al fianco di Leonardo Pieraccioni e Massimo Ceccherini.

Nel 1997 ha presentato il varietà La sai l’ultima?, al fianco di Gerry Scotti, ha presentato una canzone durantela 34esima edizione del Festivalbar, ha duettato con Claudio Baglioni per un brano contenuto in un suo disco. Nel 1999 esce il suo primo album musicale, “Natalia”. La sua carriera  televisiva e cinematografica è proseguita ininterrottamete. Natalia Estrada ha presto parte a numerosi programmi tv e film. Nel frattempo si separa dal marito, dalla quale ha avuto una figlia Natalia Jr,, dopo cinque anni di matrimonio. Intorno agli anni Duemila Natalia ha avuto una lunga e chiacchierata relazione con Paolo Berlusconi, fratello minore del più celebre Silvio.

Dal 2007 Natalia Estrada è sposata con Andrea Mischianti, conosciuto per la passione in comune per i cavalli, è nonna di Marlo, un bimbo di due anni e di  Sacha nato a Luglio 2020.

L’Estrada gestisce con il marito Andrea Mischianti un maneggio in provincia di Asti, a Cortazzone, e ha lasciato definitivamente il mondo dello spettacolo. Ha trovato la propria dimensione in mezzo alla natura ed ai cavalli.

Vive in campagna con cani, cavalli e bestiame, durante i  fine settimana, lei e il marito si spostano per l’Italia tenendo corsi di equitazione e lavorando con il bestiame.

Una vita ben lontana dai riflettori e dalla vita mondana a cui era abituata.