DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Maggio 3, 2020

Redazione DonnaWeb

"Voglio condividere con altri genitori la peggior notte della mia vita" Sierra vuole avvertire tutti i genitori

Sierra Greenlee ha trascorso gli ultimi sei mesi più brutti della sua vita e forse li vivrà per sempre: a marzo dello scorso anno, la figlia di tre anni, Arya, è morta in modo del tutto inaspettato. 

È stato solo il 17 settembre che Sierra Greenlee si è decisa a condividere la tragica storia con il resto del mondo. Lo ha fatto nella speranza di poter salvare la vita di altri bambini.

Sierra ha scritto su  Facebook  per documentare la terribile tragedia che ha colpito lei e la sua famiglia:

Pubblicità

"Ho evitato questo post per un pò, è lungo, ma resisti. Garantisco che è importante. Vorrei condividere con te la peggior notte della mia vita ” , scrive.

"Non perché voglio notorietà, ma perché vorrei informarti di un problema molto importante e al quale nessuno pensa mai davvero."

Tutto è iniziato quando la madre ha lasciato il lavoro e è andata a prendere la figlia della tata. Erano le prime ore del mattino quando arrivò e Arya sembrava dormire mentre la tata la portava in macchina.

Sierra inizialmente sembrava scherzasse quando le è stato chiesto se Arya stesse respirando, ma è stato solo un attimo, immediatamente presa dal panico ha messo la sua mano sul petto di Arya e non sentì alcun movimento.

Con il cuore in gola, corse di nuovo a casa. Chiamò un'ambulanza e tutto ciò che poté fare fu continuare a provare a far rivivere la sua bambina. Sono stati minuti che non dimenticherà mai.

"Nella mia testa sapevo che dovevo stare calma, non potevo farmi prendere dalla paura, dovevo restare lucida ma non potevo, stavo urlando alla tata, cercando di fare compressioni toraciche, per aiutarla a respirare", ha continuato.

E tutto peggiorò, lasciando Sierra in uno stato che non avrebbe mai pensato.

“Per l'ora successiva, mentre cercavano disperatamente di riportare la mia bambina da me, ho chiamato i miei genitori e suo padre, pianto e pregato. A volte mi sentivo come una sconosciuta ferma li a guardare impotente questo orribile evento accadere", racconta.

“Ho sempre avuto questi incubi, ma non dovrebbe succedere mai a nessuno. Sono stati i momenti più surreali della mia vita. "

Arya è stata portata in ospedale in un'ambulanza, con Sierra nella sua macchina. Fu lì che ricevette la notizia che nessuna madre avrebbe dovuto sentire.

"Abbiamo fatto tutto il possibile",  hanno detto i medici, "ma sfortunatamente non siamo stati in grado di rianimarla e non è sopravvissuta."

Sierra è stata portata a vedere il corpo senza vita di sua figlia. Arya sembrava così piccola nel grande letto d'ospedale e sua madre non poteva far altro che rannicchiarsi su di lei, sul suo corpo senza vita.

A quel tempo, non era ancora chiaro cosa avesse ucciso la bambina di tre anni, i dottori e Sierra che pensavano al problema. Che cosa era successo?

Dopo diversi test, i medici hanno finalmente scoperto una causa improbabile: Arya viveva con diabete di tipo 1 mai diagnosticato.

Secondo  il post , individuare il diabete nei bambini piccoli può essere molto difficile. Di solito, né i genitori né i medici sono in grado di notare i sintomi in tempo.

I segni classici che un bambino soffre di diabete di tipo 1 sono affaticamento, sete eccessiva, minzione più del normale e perdita di peso.

Certo, non è sempre facile identificare queste cose. Nel caso di Arya, i suoi genitori non avevano motivo di sospettare che qualcosa non andasse nella loro bambina.

Sierra ora mira ad avvisare gli altri delle conseguenze del diabete di tipo 1 non diagnosticato. È importante che tutti i genitori abbiano questa idea.

"Ti prego di essere consapevole dei segni e dei sintomi del diabete infantile."

Altri sintomi del diabete di tipo 1 includono:

Quando diagnosticato, il diabete di tipo 1 può essere gestito efficacemente con iniezioni di insulina. Contatta un centro sanitario o un ospedale se ritieni che tuo figlio possa avere il diabete.

Sierra Greenlee
linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram