Un recente studio americano sostiene che non dovresti MAI lavare il pollo prima di cucinarlo – Ecco perchè

In cucina c’è un certo insieme di regole tradizionali, che ha sempre avuto e ha i suoi pro e contro.

L’ultimo argomento discusso dagli studiosi americani è la pulizia del pollo prima della cottura.

Nel corso degli anni, diverse ricette sono iniziate con questa particolare azione, e diciamocelo: sei abituata anche tu a questo. Alla fine, non c’è niente di sbagliato nell’eliminare i batteri risciacquandolo con acqua, giusto?

In realtà, questa opinione è totalmente sbagliata. Gli esperti dicono che lavare il di pollo crudo è un modo diretto per i batteri dannosi di stabilirsi nella vostra cucina.

Shutterstock


Dovresti prestare maggiore attenzione quando acquisti il pollo – Ecco perchè

Per molto tempo sono state aperte discussioni serie su questo tema, ma sembra che ora siano finalmente cessate.

Leader della salute pubblica, specialisti di batteri e molti chef altamente qualificati consigliano alle persone di smettere di lavare il pollo prima di cucinarlo.

Anche la Food and Drug Administration statunitense consiglia di evitare questa pratica abituale, perché il risciacquo della carne cruda aumenta effettivamente le possibilità di diffusione di agenti patogeni pericolosi, piuttosto che eliminarli.

“Gli esperti nel campo della sicurezza alimentare raccomandano di abbandonare questa pratica, perché il lavaggio non distrugge gli organismi patogeni, ma aumenta solo il rischio di contaminazione di altri prodotti e superfici”, affermano gli studiosi.


Se soffri di fibromialgia non dovresti mangiare questi cibi

Shutterstock

Quindi, il modo più sicuro per liberare la carne dai batteri è cucinarlo alla temperatura raccomandata per il tempo richiesto. Le alte temperature uccideranno i batteri che causano intossicazione alimentare, come la salmonella.

Se tu, come me, eri abituato a lavare la carne prima di cucinarla, adesso hai una pesante argomentazione per smettere di farlo.

Cosa ne pensi di questa nuova informazione? Condividi l’articolo con i tuoi amici su Facebook.