L’uomo “voleva morire” dopo che la malattia aveva gonfiato la pancia “come se fosse incinta” – Ma uno sconosciuto gli salverà la vita

Un ingegnere a cui è stata diagnosticata una malattia mortale dopo essersi sentito “letargico” ha raccontato di come voleva morire prima che uno sconosciuto gli salvasse la vita.

A Danny Millward è stato detto che aveva solo due anni di vita quando i medici gli hanno diagnosticato la sindrome di Budd Chairi, che causa coaguli di sangue intorno al fegato.

Il 33enne aveva visto i medici dopo aver lamentato “stanchezza” e “mancanza di appetito”, afferma Liverpool Echo .

Ma quando lo stato fisico di Danny iniziò a deteriorarsi, il suo fegato iniziò a cedere e aveva un disperato bisogno di un trapianto .

Dopo anni di traumi e dolori, l’ingegnere ricevette un nuovo fegato e, dopo un’operazione fallita, subì un trapianto per salvargli la vita.

Da allora, Danny è diventato padre di due gemelli e anche patrigno, ora vuole ringraziare lo sconosciuto che gli ha salvato la vita.

I medici hanno concesso all’ingegnere due anni di vita nel 2016 (Immagine: liverpoolEcho / WS)
LEGGI DI PIÙ

“Prima del trapianto non avevo nulla.

“Ora sto con una bellissima donna e sono padre di due gemelli di due anni. Sono anche un patrigno di un undicenne”, ha detto Danny.

“Pensavo che la donazione di organi fosse solo qualcosa di cui avrei sentito parlare e che non mi avrebbe coinvolto. Pensavo che non avrei mai avuto bisogno di un trapianto di organi.”

Danny, di Warrington, nel Cheshire, ora ha scritto alla famiglia del donatore per esprimere la sua gratitudine.

La pancia dell’uomo si gonfiava in modo anomalo (Immagine: liverpoolEcho / WS)

Ha subito il trapianto al Queen Elizabeth Hospital di Birmingham dopo la lunga attesa.

Ma quando fu trovato per la prima volta un fegato adatto, Danny andò in chirurgia ma subì uno shock anafilattico, una reazione allergica potenzialmente mortale al nuovo fegato che costrinse a ritardare la procedura.

Dopo il fallito tentativo, Danny ha trascorso i successivi otto mesi in attesa di scoprire se avrebbe ricevuto un intervento salvavita.

Il padre, di Warrington, ha parlato della sua battaglia per sopravvivere (Immagine: liverpoolEcho / WS)

LEGGI ANCHE

“Ricordo a un certo punto che ho detto a mia madre che preferirei morire ora piuttosto che vivere con questo dolore. Il dolore che stava causando sia a me che alla mia famiglia era terribile.”

Danny ha ringraziato i suoi amici per il loro supporto durante il periodo emotivo (Immagine: liverpoolEcho / WS)
Ora Danny ha incontrato qualcuno di speciale ed è diventato papà e patrigno (Immagine: liverpoolEcho / WS)

Condividi questo articolo se pensi che la donazione di organi possa salvare delle vite!