Le possibili cause del ritardo mestruale: quando c’è da preoccuparsi?

donna ciclo ritardo

A tutte le donne può capitare un ritardo del ciclo mestruale, ci possono essere tante cause possibili, ma quando è che ci si deve davvero preoccupare? Il primo dubbio che assale una donna di solito è se è incinta o no, soprattutto se non usa anticoncezionali o la pillola.

Ma se la causa non è un bambino in arrivo allora l’irregolarità può dipendere da vari fattori, disturbi o squilibri ormonali.

I possibili sospetti

Se il ciclo non si presenta dopo i 28 giorni, e ci sono i classici sintomi della gravidanza come nausea, vomito, malessere generale e stanchezza, allora c’è da interrogarsi se effettivamente si è incinta o no. Altri sintomi possono trarre in inganno, come le perdite biancastre che possono essere sintomi del ciclo ma anche della gravidanza. Per eliminare ogni dubbio, meglio sottoporsi ad un test di gravidanza. Se l’esito è positivo avrete trovato il colpevole del ritardo, se non lo è le cause vanno cercate altrove.

Altre cause

Se non si è incinta, tra le altre cause ci può essere il cambio di abitudini alimentari e squilibri ponderali, condizioni come l’obesità, l’anoressia e le diete drastiche che possono provocare alterazione del ciclo.


Anche la sindrome dell’ovaio policistico o la tiroide possono influire sugli squilibri ormonali, scombinandoli del tutto e alterando la regolarità dell’ovulazione e del ciclo mestruale.

LEGGI ANCHE: DISTURBI MESTRUALI? SCOPRI COME CURARLI CON RIMEDI NATURALI

Stress, ansie e tensioni, eventi traumatici e cause psicologiche possono provare irregolarità del ciclo.  Il ciclo irregolare, in ritardo e imprevedibile è la caratteristica di un disturbo ginecologico ben preciso, l’oligomenorrea, che compromette l’ovulazione e di conseguenza la fertilità femminile.

Un ritardo delle mestruazioni, se in età avanzata, potrebbe anche essere il primo segnale dell’arrivo della menopausa.

Cosa fare?

Ebbene non preoccuparsi, fare un controllo specialistico sottoponendosi ad una visita ginecologica se il ritardo si protrae nel tempo portando alla totale assenza di ciclo o se si ripete troppo spesso.