IL PARTO PIU’ PRECOCE DI SEMPRE, LEGGI LA STORIA DI LINA, MAMMA A SOLI 5 ANNI

Era il 14 Maggio di ben 75 anni fa e la piccola Lina Vanessa Media Vasquez, a soli 5 anni, diventava la mamma più giovane della storia, la piccola è ricordata dalla letteratura medica come da femmina umana più giovane ad essere diventata madre. Il caso ancora oggi fa discutere e suscita parecchi dubbi e perplessità, fu illustrato dal dottor Edmundo Escomel in tutti i suoi dettagli nella rivista La Presse Medicale il 31 Maggio del 1939.

download

Realtà o leggenda? La vicenda ha suscitato non poco scalpore catturando l’attenzione di parecchie testate autorevoli di quel periodo, i fatti raccolti dalla linda2stampa dell’epoca parlano di una bambina che aveva un’abnorme dilatazione dell’addome al punto da far pensare ai genitori che si potesse trattare di una forma di tumore.

A 10 MESI PESANO 21 KG, SONO I BAMBINI PIU’ GRASSI DEL MONDO

I medici con grande stupore invece scoprirono che si trattava di una gravidanza, la piccola era incinta di ben 7 mesi. Prima di intervenire il medico la condusse a Lima per sottoporla ad ulteriori visite da parte di altri specialisti del settore. Un mese e mezzo dopo, il 14 Maggio 1939 con un parto cesareo Lina partorì un bel maschietto, l’operazione fu praticata dal suo medico ginecologo, un evento eccezionale dal punto di vista scientifico.

Curiosità: perchè la fede si porta all’anulare?

I medici successivamente diedero altri dettagli, raccontarono come la comparsa del ciclo nella bambina ebbe inizio all’età di solo 8 mesi e sviluppò le mammelle a 4 anni, riguardo il flusso mestruali ci sono fonti diverse, alcune parlano dell’inizio a 2 anni e mezzo, il neonato che pesava 2,700 gr fu chiamato Gerardo Alejandro.

Lina non rivelò mai chi fosse il padre e le come, dove avesse avuto luogo il concepimento, il figlio scomparve all’età di 40 anni per un problema al midollo osseo.


LA SUA STORIA SU WIKIPEDIA

FONTI

SE TI E’ PIACIUTO QUESTO ARTICOLO CONDIVIDILO SULLA TUA BACHECA

▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼▼