Dietro le porte dell’harem: come vivono davvero le donne arabe

La poligamia e gli harem, l’assenza di educazione e diritti, i diamanti e il paranjá. La vita delle mogli musulmane ha molti stereotipi per gli stranieri e ora è molto difficile distinguere tra ciò che è vero e ciò che è una bugia.

Quindi abbiamo deciso di scoprire come vivono davvero le donne meravigliose e misteriose dell’Est.

Matrimonio contrattuale

  • La verità è che metà dei matrimoni in molti paesi arabi sono ancora basati sulla volontà dei genitori . Molti sono sicuri che nessuno tenga conto dell’opinione della ragazza. In realtà, non è così. Se la donna non ama il fidanzato, ha il diritto di rifiutare la proposta di diventare sua moglie.
  • Il contratto di matrimonio deve essere firmato. A differenza del resto del mondo, nei paesi arabi obbediscono rigorosamente a questa regola.
  • Le donne raramente sposano gli uomini gentili, perché sposandoli possono espellerli dal paese. Gli uomini hanno una posizione più privilegiata, possono sposare cristiani o ebrei, stranieri, ma in questo caso i loro figli non otterranno la cittadinanza. In caso di divorzio, i bambini rimarranno con il loro padre.
  • L’età per sposarsi . Nella maggior parte dei paesi arabi, l’età minima per il matrimonio per uomini e donne è di 18 anni. Ad esempio, i cittadini della Tunisia possono sposarsi quando compiono 18 anni, ma in realtà l’età media delle spose è di 25 anni e gli sposi sono 30. Sebbene in alcuni paesi sviluppati esistono ancora i matrimoni precoci. Ad esempio, più della metà delle donne in Arabia Saudita e Yemen si sposano prima di compiere 18 anni.

Come vengono celebrati i matrimoni

In diversi paesi le usanze non sono le stesse, ma spesso gli sposi arabi celebrano il matrimonio separatamente.

  • Il matrimonio maschile non può essere celebrato lo stesso giorno del matrimonio della sposa e viene effettuato nel solito modo: tè, caffè, cena e solo una festa che dura non più di 4 ore. Il matrimonio della sposa è più lussuoso: grandi sale, camerieri e artisti.
  • Il matrimonio delle donne è un motivo per mostrare i loro diamanti, le scarpe dei designer e gli abiti da festa, poiché normalmente questa bellezza è nascosta da sciarpe e hijab (abaya), ecco perché questi matrimoni invitano solo le donne. Per gli uomini è proibito essere presenti a questo matrimonio. Lo staff che lo frequenta è composto esclusivamente da donne, inclusi cantanti, fotografi e DJ. Se si invita un famoso cantante, questo non vedrà la sposa o gli ospiti. Canterà dietro un tendone o in una stanza separata che trasmetterà successivamente le immagini alla stanza in cui si trovano la sposa e gli ospiti.
  • L’arrivo del marito viene notificato in anticipo in modo che tutte le donne siano cambiate e coperte di abaya. Se il marito arriva con i suoi fratelli o suo padre, allora anche la sposa è coperta da un abaya bianco, poiché anche i parenti maschi non devono vedere la sua bellezza.
  • Non è buono dare soldi o apparecchi per il matrimonio . Come regalo alla sposa, le danno i suoi gioielli.

poligamia

  • La maggior parte dei matrimoni sono monogami . Non tutti gli uomini arabi possono permettersi la poligamia. L’Islam consente fino a quattro mogli, ma ognuna di esse deve avere la propria casa, i regali, l’attenzione e i gioielli devono essere quasi allo stesso livello. Avere diverse mogli è un privilegio degli sceicchi e dei ricchi.
  • Il primo matrimonio è il più importante . Per molti matrimoni che l’uomo ha, il primo è “il grande matrimonio”. È considerato come il principale e la moglie come “il più grande”.
  • Se il marito si sposa ancora, le altre mogli devono accettarlo. Devono obbedire alla volontà del loro uomo e non mostrare alcuna emozione. Normalmente tutte le mogli vivono nelle loro case e raramente si vedono.

divorzio

  • Se l’uomo vuole divorziare dalla moglie, secondo una vecchia usanza la donna deve lasciare la sua casa portando solo le cose che indossava in quel momento, ecco perché le donne indossavano tutti i gioielli. In realtà i divorzi su iniziativa degli uomini si verificano raramente. Inoltre, in caso di divorzio i figli restano con il padre.
  • Una donna può divorziare se il marito non la tiene bene. A queste affermazioni i tribunali prestano molta attenzione e spesso li soddisfano. Nel mondo arabo, l’uomo esprime il suo amore non con i fiori, ma con l’oro e i gioielli. Ad esempio, è costretto a portare sua moglie in un ristorante, a comprare regali e vestiti costosi. Se hai diverse mogli, devi dare la stessa quantità di attenzione e doni a ciascuno.
  • In altri casi sarà molto difficile ottenere il divorzio dalla donna, perché spesso i tribunali dettano una risoluzione con un’idea preconcetta fino all’ultimo sostegno al marito.

Diritti delle donne

Nonostante gli stereotipi esistenti, le donne arabe sono molto rispettate dagli uomini. Lei non dovrebbe averne bisogno.

  • Le donne arabe furono tra le prime a ottenere il diritto di sposarsi da sole, divorziare e avere proprietà. Questo era già successo nel settimo secolo, mentre in altri stati le donne non avevano questa opportunità. Le leggi musulmane consideravano il matrimonio tra un uomo e una donna come un contratto che poteva entrare in vigore solo con l’accordo di entrambe le parti. Inoltre, il diritto che le donne potessero possedere proprietà e disporre della ricchezza che la famiglia ha portato o vinto è stato approvato durante un periodo.
  • Una volta alla settimana tutte le spiagge, le spa e l’estetica degli Emirati Arabi si rivolgono solo alle donne. L’accesso agli uomini è proibito.
  • Tuttavia, la moglie di un marito musulmano deve fare tutto con il permesso del suo uomo. Per andare da qualche parte, lei deve avvertirlo e ricevere la sua conferma.

abbigliamento

  • Le donne devono nascondere il loro corpo con vestiti lunghi e non stretti e un velo. Possono vestirsi in diversi modi: minigonne, jeans e pantaloncini. Molte ragazze che conoscono la moda attuale potrebbero essere invidiose del modo in cui vestono le donne arabe. Ma quando escono, le donne devono indossare un mantello di seta che copre il loro corpo fino alle caviglie e il viso deve essere coperto con un fazzoletto. Poiché la sua bellezza appartiene solo a suo marito, agli altri uomini non è permesso vederla. Ci sono eccezioni come cerimonie per le donne, matrimoni in cui non ci sono uomini e possono liberare i loro abiti firmati. Tuttavia, questa usanza non è osservata ovunque, ma devono avere la testa coperta quasi in tutti i paesi arabi.
  • Il Kuwait è l’unico paese arabo in cui le donne indossano abiti europei . Tuttavia, deve sembrare molto modesta e ben coperta.
  • In contrasto con il Kuwait ci sono paesi come lo Yemen e il Sudan dove sono ancora conservate le antiche usanze e le donne sono costrette a indossare un mantello nero che le copre completamente dalla testa ai piedi.

    I 10 ladri di energia secondo il Dalai Lama.

Educazione e lavoro

  • Che una donna desideri ottenere un’istruzione non è proibito  Molte donne si recano anche all’estero per studiare. Ad esempio, in Giordania, l’analfabetismo delle donne è del 14%. Negli Emirati Arabi, il 77% delle donne completa la scuola superiore e il 75% studia presso l’Università Al Ain.
  • La gestione delle faccende domestiche poggia sulle donne. Tuttavia, nei paesi ricchi questo obbligo è lasciato alle cameriere e il compito principale delle mogli è quello di procedere e prendersi cura della prole.
  • Ci sono opportunità di lavoro. Negli Emirati Arabi, il 2% delle donne ha una posizione manageriale, il 20% detiene posizioni amministrative e rappresenta il 35% della forza lavoro del paese. Inoltre, negli Emirati Arabi Uniti, le donne possono occupare posizioni di giudici e lavorare negli uffici governativi, ad esempio nella polizia. Nel parlamento della Tunisia più del 26% dei membri sono donne. La donna non può lavorare senza l’autorizzazione del marito o del tutore.

Sposò un terrorista: il giorno del matrimonio ricevette in dono un regalo orribile e la sua vita cambiò