Luglio 8, 2021

Alessandro Giordano

Denise Pipitone, a chi l'ha visto ecco il contenuto della lettera anonima

Nel corso delle trasmissioni abbiamo avuto sempre novità riguardanti il caso Denise Pipitone, Federica Sciarelli con la sua troupe sta cercando di fare il possibile per aiutare Piera Maggio a ritrovare sua figlia, nonostante sia scomparsa da 17 anni, quando nel 2004 venne rapita a Mazara Del Vallo.

Avvocato Frazzitta e la lettera anonima

Nei mesi scorsi l'avvocato di Piera Maggio tramite un collegamento in studio dichiarò di aver ricevuto una lettera da parte di un anonimo, Frazzitta parlò pubblicamente chiedendo all'autore di mostrarsi al fine di dare ulteriori informazioni preziose per le indagini.

Ci rivolgiamo a quella persona che dopo 17 anni ha avuto il coraggio e il senso civico di inviare una lettera anonima al mio studio legale, dando informazioni nuove, ti invitiamo a fare un altro passo, nella massima riservatezza, fatti sentire

Avvocato Frazzitta a Chi L'ha Visto
Pubblicità

Questa persona che non si è ancora identificata scrisse anche allo studio di Chi L'ha Visto, specificando di sapere molte cose sulla scomparsa di Denise: "Sono 17 anni che so, non ho parlato prima per paura, sono sicurissimo al cento per cento di quello che ho visto".

Svelato il contenuto della lettera

A distanza di qualche mese, la conduttrice decide di svelare pubblicamente il contenuto della lettera, rivelando informazioni molto importanti.

L'anonimo dopo tutti questi anni ha preso coraggio ed ha voluto svelare alcune verità, raccontando di aver assistito in prima persona del rapimento della piccola Denise 17 anni fa.

Era un mercoledì, tornavo da lavoro intorno alle 12.30, abitavo in zona e c’era una fila di auto in coda perché a quei tempi c’era il mercato. Esce un’auto ad alta velocità e sorpassa le auto in coda, si mette correndo nella mia carreggiata e mi tocca specchio e auto, faceva caldo e avevo i finestrini aperti, mi sono accostato e ho guardato dal visore e vedo e sento una bambina gridare Aiuto mamma aiuto

Contenuto della lettera anonima

Erano in tre

La lettera continua parlando nel dettaglio su chi c'era dentro l'auto.

"Era un’auto blu scuro con al lato guida il tunisino, il ragazzo di Gessica Pulizzi.
La bambina gridava forte, piangeva dicendo aiuto, ho sentito l’urlo, la bambina, come ho immaginato io era buttata dietro dalla signora che la teneva con i piedi oppure a fianco messa bassa perché la bambina tanto che gridava aiuto che l’altra donna si è girata e le ha messo le mani sulla bocca per non farla urlare. Credetemi io ero fermo e ho visto tutto, ho paura di parlare, ho famiglia e figli ma andate al sicuro, sono loro tre. Sono stati loro al cento per cento.

L'avvocato di Ghaleb: "non è indagato"

Tra i 3 descritti nella lettera c'è anche Gaspare Ghaleb, lo si capisce quando si legge " il tunisino, il ragazzo di Gessica Pulizzi". Ma il suo avvocato fa subito chiarezza in merito, in quanto ieri 7 luglio è stato ascoltato dalla procura di Marsala come testimone assistito, ma il tutto riferito a delle false dichiarazioni fatte nel periodo della scomparsa di Denise e non come indagato per la scomparsa della figlia di Piera Maggio

.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram