Luglio 22, 2021

Alessandro Giordano

Curare l'insonnia camminando

Spesso l’insonnia viene sottovalutata, ma è un disturbo che, persistendo, può determinare l’insorgere di complicazioni anche gravi, quali depressione, ansia e problemi cardiaci.

Curare l’insonnia non è facile ma è possibile attenuare seguendo alcuni rimedi salutari che favoriscono il sonno. Uno di questi consiste nel praticare un’attività sportiva: ad esempio una bella camminata può conciliare il sonno.

Sebbene il nesso tra insonnia e attività aerobica sia ancora argomento di ampia discussione tra gli esperti, prevale una teoria: praticare sport in modo costanteaiuta ad ottenere un ciclo del sonno regolare.

Pubblicità

Pare che lo svolgimento di un’attività sportiva incida positivamente sul sonno in due modi: il primo riguarda la produzione di endorfine, mentre il secondo consiste nella regolarizzazione del ritmo cardiaco.

Più precisamente le endorfine agiscono limitando l’ansia, mentre una frequenza cardiaca regolare normalizza il ritmo sonno-veglia.

Per di più, praticare sport, causa un rialzo della temperatura corporea, seguito da un abbassamento che, se fatto coincidere con il momento di coricarsi, induce sonnolenza.

Una camminata a ritmo sostenuto è il tipo di attività aerobica ideale per favorire il sonno. Ovviamente non si deve correre, ma mantenere lo stesso ritmo per almeno 30 minuti senza strafare o esagerare.

È consigliabile non fare attività fisica subito prima di andare a dormire perché si potrebbe ottenere l’effetto contrario.

Altro elemento fondamentale e la regolarità, infatti, per notare  cambiamenti soddisfacenti, bisogna camminare regolarmente per almeno tre mesi, 3 o 4 volte a settimana.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram