DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Marzo 28, 2021

Rosaria Comito

Abbandona la figlia per festeggiare il 18esimo compleanno e la piccola muore di fame

Festeggiare il 18esimo anno di età è senza dubbio uno dei traguardi più belli che richiedono una vera festa con tanto di amici e parenti per brindare insieme, c'è però chi l'ha fatto a caro prezzo.

Un gesto assurdo di una mamma giovanissima ha portato alla morte la figlioletta di soli 20 mesi.

Bimba di 20 giorni muore di fame a Brighton, la madre va a festeggiare il  compleanno e la lascia per 6 giorni da sola | Notizie Audaci

La donna si chiama Verphy Kudi, si trova a Brighton, in Inghilterra, ed è stata arrestata dopo che lei stessa ha chiamato i soccorsi quando si è accorta che la piccola Asiah non si svegliava più, la donna all'inizio negava di avere qualche colpa ma alla fine ha dichiarato la sua colpevolezza.

Pubblicità

Leggi anche: La madre vede la casa in fiamme: mette il figlio nel seggiolino e lo lancia dalla finestra, un gesto incredibile

La piccola è stata portata all'ospedale dei bambini Royal Alexandra ma quando la piccola è arrivata sul posto i medici si sono subito resi conto che non c'era nulla che potessero fare per salvarle la vita.

Verphy Kudi: Baby Asiah was not under watch of social services | The Argus

La bambina, è emerso successivamente dalle analisi, era disidratata, denutrita e aveva anche l'influenza, le indagini dimostrarono dopo pochi giorni, che la piccola era rimasta sola in casa per giorni e la madre aveva vissuto la sua vita come se nulla fosse non curandosi della figlia.

Leggi anche: Incinta di 8 mesi disse il medico: “si auguri che sua figlia nasca morta” – vi racconto la mia storia

La donna ha oggi 19 anni, ha lasciato l'appartamento il 5 dicembre 2019 per tornare l'11, rientrando in casa si rese conto che la piccola non rispondeva più al suo richiamo ed è stata arrestata per negligenza, la madre e la figlioletta vivevano sole in casa, del padre non si sa nulla. La bambina sarebbe dovuta essere seguita da un'assistente sociale in quanto parte di un piano di protezione dell'infanzia ma in quel periodo non era stata affidata ancora a nessun psicologo.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram