ATTACCHI DI PANICO, QUAL’E IL MODO GIUSTO DI AFFRONTARLO?

Il disturbo da attacchi di panino è un disturbo ambivalente, è in grado di buttare giù le persone ma se si impara ad ascoltare il suo messaggio, può indurre le persone a cambiare vita e a viverla con pienezza.

Alcune forme di attacchi di panico sono dovute a eventi traumatici e devono essere affrontate con la psicoterapia, altri sono causati da uno schema di comportamento standard e potrebbero essere risolte da chi ne soffre in modo rapido, senza interventi particolari o psicofarmaci.

cura-cura-attacchi-di-panico

Il disturbo da attacchi di panico è dovuto ad un eccesso di energia intrappolata, ma di cosa si tratta, visto che ogni giorno ne spendiamo un sacco?  L’energia intrappolata è quella che lo psicoanalista Carl Gustav Jung chiamò libido, intesa come energia psicofisica globale, legata ai nuclei profondi del nostro essere.

Viverla ci fa stare in equilibrio e armonia, non viverla ci imprigiona e spegne, al punto che al nostro corpo servono questi attacchi per farla esplodere ogni giorno, in forma caotica e destabilizzante.

Come affrontare il problema?

Tutte le modalità che compensa la mancanza di espressioni possono aiutare, parliamo di creatività, erotismo, attività fisica e passione.

Lo schema


Segui il piccolo schema che ti proponiamo di seguito, individua quali aspetti sono carenti nella tua vita e in che modo ti piacerebbe canalizzare le tue energie che non stai usando.

– Creatività. È il fare qualcosa (non solo di artistico ma anche in altri campi, tra cui le semplici cose di ogni giorno) mettendoci la propria personale impronta, il proprio tocco.

– Erotismo. È quello stato di scambio con il partner che può esprimersi nella forma della sessualità, dell’innamoramento o della forte condivisione di affinità.

– Attività fisica. Intesa non come semplice movimento, ma come sport che ti piace e che non ti annoia, o come rappresentazione corporea (danza, ginnastica artistica)..

– Passioni. È il forte interesse, che può tradursi anche in un impegno protratto nel tempo, per un’attività (personale, sociale, solidale, politica, ecc.).

FONTE


 

Attacchi di panico? Cosa fare, cosa non fare

SINDROME DELL’ABBANDONO, COME AFFRONTARLA E SUPERARLA