Attacchi di panico? Cosa fare, cosa non fare

Quando si ha un attacco di panico è davvero difficile controllarsi e cercare di stare meglio, cosa fare e non fare per superarlo?attacco di panico

Un attacco di panico si ricorda per tutta la vita, anche se è capitato una singola volta, ma cosa rendere questa esperienza così traumatica da non riuscire più a dimenticarla? La risposta di chi l’ha provata solitamente è  “Come posso dimenticare di essere stato investito da un’energia potentissima e sconvolgente?In quei momenti era come se un treno mi fosse arrivato addosso.”

Il panico è una scossa energetica negativa, ma come possiamo fare nel momento preciso in cui avviene l’attacco?

In un momento delicato della crisi acuta è importante sapere cosa fare e non fare, questa cosa è importante per ridurre drasticamente l’intensità sintomatologica e far vivere meno drammaticamente la crisi.

LEGGI ANCHE: DEPRESSIONE, GLI ALIMENTI CHE AIUTANO A COMBATTERLA

Cosa fare?

Proteggersi, come? Sottraendosi al contesto nel quale è esploso l’attacco di panico, se non è possibile, cerca di defilarti un pò togliendoti dal centro della scena.

Mettersi comodi. Ovunque vi trovate cercate di mettere il corpo nella posizione più comoda possibile compatibile con la situazione, evita posizioni da sdraiata che spesso peggiora i sintomi.



Cercate frescura, infatti, uno dei sintomi più sgradevoli è l’avere troppo caldo e di avvampare. Spegnete il “fuoco” e cercate un pò di ombra e di vento se siete all’erto, oppure in casa dove c’è corrente.

Chiedete aiuto, se vi sembra di perdere il controllo cercate qualcuno che possa starvi vicino al momento della crisi, se non c’è nessuno chiudi aiuto alle “cose”, ad un oggetto positivo, un rituale o una distrazione.

Cosa non fare?

Lottare. Non resistete e non opponetevi, lasciategli spazio e tempo, l’intensità dell’attacco di panico aumenterò finché non mollate la presa. Limitatevi ad osservare.

Fingere. Non fingete di star bene, questo peggiora le cose e aumenta la tachicardia, meglio dichiarare il malessere per potersi dedicare a se stessi.

Scappare. Presi dall’angoscia potreste muovervi o correre in modo concitato senza guardarvi  in giro rischiando di cadere o avere un incidente, cercate di rimanere presenti in voi stessi.

Tirare il respiro. La difficoltà a respirare invoglia a cercare aria con inspirazioni fori e frequenti, ciò manda il sangue in alcalosi facendo aumentare il panico. Respirate normalmente.