SINDROME DELL’ABBANDONO, COME AFFRONTARLA E SUPERARLA

La sindrome dell’abbandono indica instabilità emotiva legata ad esperienze precoci di separazione o solitudine, che solitamente sono collegati ai primi anni di vita dell’individuo.

come-gestire-la-propria-emotivita_578487a247e095631cce45aad87d773a

Se il bambino non avverte la presenza affettuosa dei genitori o il loro atteggiamento rassicurante, da adulto può rischiare di veder compromessa la propria vita relazionale fino ad assumere atteggiamenti antisociali.

Ci sono casi in cui la fobia di essere abbandonati può assumere delle forme patologiche, ma è pur vero che questa paura, senza giungere alle sue espressioni più dolore, riguarda un po’ tutti: tutti abbiamo paura di vivere la nostra esistenza in solitudine.

L’individuo più forte e razionale sa gestire questa paura, gli insicuri e instabili tendono a farsi sopraffare e hanno bisogno di una mano per imparare a combattere i fantasmi che vivono nella loro testa.

Come superare la sindrome dell’abbandono?

La prima cosa da fare è superare il costante terrore di essere abbandonati è quello di prendere coscienza del proprio stato d’ansia e di tentare un’analisi degli episodi in cui il panico ha preso il sopravvento sulle capacità di discernimento razionali.


Per affrontare il proprio passato e cercare una chiave di lettura in maniera distaccata e non emotiva può rivelarsi una pratica molto utile. Dall’altra parte è ugualmente importante aumentare la propria autostima e vivere la solitudine come un momento speciale in cui ci si può dedicare: bisogna imparare a vivere con piacere la compagnia di se stessi.

Se si arriva alla conclusione di essere molto emotivi e impauriti da un abbandono, è molto importante selezionare le persone che si sceglie di frequentare, quindi amici fidati che dimostrino il loro affetto e siano presenti senza discontinuità.

Vanno evitati coloro che si dimostrano pronti a impegnarsi in un rapporto di coppia seriamente e si devono preferire quelli che infondono sicurezza e serenità. Le persone che sono affette da sindrome dell’abbandono tendono a vivere i rapporti di coppia con ansia, con la paura costante che possano venire esclusi.

Quando si trova il partner giusto è opportuno non soffocarlo con il peso delle proprie insicurezze, bisogna riuscire a dare fiducia alle persone che si amano e a lasciargli i giusti spazi.

La vita di coppia sarà serena solo quando si sarà in grado di apprezzarne la quotidianità e quando ci si libera dal senso di disperazione e smarrimento derivata dal pensiero che ogni relazione deve sgretolarsi per forza, allora si riuscirà a vivere meglio.

E’ importante auto-regolarsi, incoraggiare se stessi a sfidare e vincere le proprie paure e debolezze per avviarsi verso una propria nascita interiore.

Si consiglia di rivolgersi ad uno specialista che possa avviare il giusto percorso terapeutico.