5 sintomi iniziali dell’ansia che passano inosservati

Molte volte i sintomi iniziali dell’ansia passano inosservati perché sono sottili e persino, per i profani, può sembrare che non abbiano nulla a che fare con questo male. Le neuroscienze hanno rilevato che questi segnali appaiono presto e costituiscono una voce di avvertimento per capire cosa succede.

Una volta che l’ansia si è stabilizzata, i sentimenti che possono predominare sono incertezza, paura diffusa e una sorta di abisso interiore. Nell’ansia arrivano i sintomi fisici, psicologici, cognitivi ed emotivi. Quindi, è una condizione complessa, dalla quale non sfugge facilmente.

Piedi freddi: uno dei sintomi iniziali dell’ansia
La temperatura dei piedi può essere un indizio del nostro stato emotivo. Uno dei sintomi iniziali dell’ansia potrebbe essere avere i piedi freddi, ricorrenti e senza una ragione fisiologica che lo spieghi in un’analisi superficiale. Perché è considerato che può essere il correlato di uno stato ansioso? Succede che quando un essere umano si sente minacciato, il flusso sanguigno viene aumentato verso gli organi che si trovano nel torso. Fondamentalmente, verso il cuore e il sistema digestivo. È un modo di reagire al pericolo. Quando ciò accade, le estremità, in particolare i piedi, diventano meno irrigue. Pertanto, la temperatura scende.

Sbadigli ripetuti
Un altro sintomo precoce di ansia sta sbadigliando più spesso del solito. C’è uno studio della Bournemouth University (Inghilterra) che lo conferma. Secondo questa ricerca, le persone in stati di ansia, paura o panico tendono a sbadigliare più frequentemente.

Lo studio ha rivelato che esiste una relazione diretta tra il numero di sbadigli e la produzione di cortisolo, l’ormone dello stress. Più sbadigli, più cortisolo. Questo perché il cortisolo aumenta la temperatura corporea. Lo sbadiglio, d’altra parte, contribuisce ad abbassare la temperatura.

Nebbia mentale
La nebbia mentale è una condizione che rende difficile la concentrazione. È vissuto come un certo senso di irrealtà. La persona che soffre sente di non poter connettersi con il momento presente e il pensiero non si forma facilmente.

Ansia, tensioni e stress finiscono tutti nello stomaco, leggi

Quella nebbia mentale è anche chiamata “fibromielina” e può essere uno dei sintomi iniziali dell’ansia. Ci sono tante idee nella tua mente, che una sorta di velo si forma nel tuo pensiero. Ecco perché è così difficile focalizzare l’attenzione.

Incubi ricorrenti
Abbiamo avuto tutti un incubo. Questo fenomeno, associato al sonno, può essere correlato a situazioni che abbiamo vissuto, che ci hanno profondamente impressionato e che non abbiamo finito di digerire. Tuttavia, quando questo diventa ricorrente, può essere una manifestazione di ansia latente.

I sogni, e specialmente gli incubi, possono essere una manifestazione del nostro inconscio. Forse parlano di situazioni che non abbiamo nella nostra coscienza, ma che gravitano sulla nostra vita. Quindi, gli incubi possono essere un segno inequivocabile di ansia incipiente.

17 alimenti ricchi di magnesio che possono abbassare il rischio di ansia, depressione e attacchi di cuore

Gusto metallico in bocca
Uno studio sull’ansia è stato condotto presso l’Università di Bristol (Regno Unito). Si è scoperto che le persone ansiose tendono ad avere una percezione più acuta dei sapori salati e amari. Allo stesso modo, è stato stabilito che uno dei sintomi iniziali di ansia è un fastidioso gusto metallico in bocca. Ciò accade perché l’ansia è un’emozione potenzialmente forte che in alcune persone stimola la proliferazione dei batteri orali. Questo, a sua volta, porta a sanguinamento dalle gengive. Tuttavia, questo può essere molto leggero ed è per questo che spesso non è visibile ad occhio nudo. Ciò che sente è il sapore metallico del sangue nella bocca.

L’ansia, come altre condizioni psicologiche, si traduce in comportamenti conformi ai modelli. Senza rendercene conto, impariamo questi schemi e iniziamo a ripeterli. In altre parole, apprendiamo quei comportamenti ansiosi e li adottiamo. Quando ciò accade, uscire dal cerchio è una sfida che diventa complicata.

Premi questa parte del corpo per alleviare subito ansia e tensione

Ecco perché è molto importante mantenere un atteggiamento di autoosservazione. Rileva cambiamenti, nuovi sintomi, disagio, per quanto piccolo. Se riusciamo a identificare l’ansia nelle sue fasi iniziali, saremo in una posizione migliore per affrontarlo.