Un bambino di 11 anni si suicida a causa di uno scioccante “scherzo” fatto dalla sua ragazza

Sentiamo storie quasi ogni giorno su come il bullismo abbia completamente distrutto la vita di alcune persone.

Il bullismo può lasciare profonde cicatrici mentali facendo sì che la vittima non abbia più nemmeno l’energia o il desiderio di vivere. Questo è precisamente il motivo per cui i bambini piccoli sono particolarmente vulnerabili in questo senso e possono sentirsi isolati senza alcuna scelta se non il suicidio.

Ecco perché la storia dell’undicenne Tysen Benz, che viveva negli Stati Uniti, è davvero inquietante.

Anche se sono passati alcuni anni da allora, il caso serve ancora come un buon promemoria per tutti gli effetti catastrofici che il bullismo può avere a scuola e non solo.

Il bambino si è suicidato

L’undicenne Tysen Benz si è suicidato secondo quanto riferito dai social il 14 marzo 2017

È stato portato d’urgenza in un ospedale della città di Ann Arbor e subito collegato al supporto vitale, ma purtroppo non è stato più possibile fare nulla. Il bambino è morto in ospedale un mese dopo.

Tuttavia, Katrina Goss, spezzata dal dolore per la perdita di suo figlio, ha deciso di agire. Voleva fare qualcosa in modo che il bullismo potesse iniziare a rendere conto di cosa è in grado di fare.

È stato sottoposto a un crudele “scherzo”

Secondo il New York Post , Tysen era stato brutalmente ridicolizzato sui social tramite uno scherzo di cattivissimo gusto.

Una ragazzina di 13 anni che usciva con Tysen aveva presentato nei giorni precedenti un’altra persona online il quale gli aveva raccontato qualcosa di orribile, aveva scritto che la sua ragazza era morta, il bambino purtroppo credette a quanto detto facendo un atto orribile.

I genitori di Tysen lo trovarono più tardi quella sera morente in quanto aveva tentato di impiccarsi.

La mamma combatte il bullismo

Tysen era chiaramente sconvolto“, afferma il procuratore della città di Marquette Matt Wiese.

Sua madre ha fatto una scoperta scioccante quella notte“, continua.

La madre in seguito ha creato una pagina su Facebook dopo la morte del figlio chiamata “Together for TYSEN” (Insieme per TYSEN), che continua ad aggiornare regolarmente per ricordare a tutti che il bullismo è ancora in corso nelle scuole.

Nel settembre 2020, la madre di Tysen ha scritto che sta ancora cercando di superare il dolore dopo la morte di suo figlio.

Ecco cosa ha scritto:

“Ero completamente sopraffatta dal dolore a causa della morte di Tysen. E stato tutto senza senso, la sua vita è stata sprecata per nulla. Il dolore causato dal suo desiderio mi ferisce fisicamente il cuore. Sarà con me sempre e per sempre, anche se mi si spezza il cuore quando lo penso ogni giorno.

Non ho mai amato così tanto una persona. La mamma ti ama, adorabile piccolo T.”

La fidanzata ha ricevuto pesanti accuse

Secondo fonti di notizie, la giovane ragazzina dietro lo “scherzo” che ha portato alla morte di Tysen è stata inizialmente accusata di uso improprio del cellulare e di un crimine di telecomunicazioni, ma alla fine non ha potuto essere condannata per l’atto perché il tribunale non ha ritenuto che la ragazza avesse voluto la morte di Tysen.

Speriamo che questa storia diventi un serio promemoria per tutti sulle conseguenze del bullismo.

Condividila se anche tu vuoi aiutare a combattere il bullismo!