Si rifiuta di abbandonare il figlio disabile, lo cresce e riesce a farlo entrare ad Harvard

La storia che vi stiamo per raccontare è d’amore, amore della mamma per un figlio, la forza di un’amore e il coraggio di andare avanti nonostante tutto.

Nel 1988 Zou Hongvan mise al mondo il suo unico figlio, difficili complicazioni al momento del parto lo lasciarno disabile alla nascita per una paralisi cerebrale.

I medici cercarono di convincere la madre a consegnare il bimbo a loro, opinione che vedeva d’accordo anche il marito, pensavano che il bambino avrebbe avuto una vita miserabile e inutile.

Nonostante questo, Zou si rifiutò di abbandonare il bambino e divorziò dal marito seguendo il suo nuovo scopo, sostenere e crescere il proprio figlio.

Zoe fece almeno tre lavori nello stesso momento per sostenere la piccola famiglia, riuscì a vendere assicurazioni e redarre protocolli riuscendo a trovare perfino il tempo di giocare con il figlio cercando di stimolare i suoi sensi e costruire la sua intelligenza, gli insegnò ad usare le bacchette nonostante le sue mani facessero non poca fatica a tenerle.

 

 

Al South China Morning Post dichiarò che non voleva che suo figlio provasse vergogna per i suoi problemi fisici. Il piccolo era nato con diverse disabilità in più parti del corpo, lei fu sempre molto rigorosa con lui affinchè potesse lavorare duramente per recuperarele sue lacune.



Tutti gli sforzi di questa mamma coraggiosa diedero i loro frutti: 29 anni dopo il figlio Ding Ding si è laureato all’Università di Pechino con un diploma di laurea in scienze ambientali e ingegneria, come se non fosse già abbastanza è stato perfino ammesso ad Harward.

Si può benissimo immaginare l’orgoglio e la felicità di questa mamma forte, i miglioramenti incredibili di suo figlio sono frutto della sua tenacia, sappiamo bene che d’altronde l’amore di una mamma non conosce confini.

 

 

fonte: bored panda


Leggi anche:

STANCA DI DARE SPIEGAZIONE A CHI LE CHIEDEVA: “QUANDO FARAI UN BAMBINO?” SCRIVE QUESTO BELLISSIMO …

PERDERE LA VISTA A CAUSA DELLE LENTI A CONTATTO: SE USATE MALE PUÒ SUCCEDERE