Se sei una donna dovresti leggere e conservare queste avvertenze perchè potrebbero salvarti la vita

Un’infezione al seno si verifica quando viene invaso dai batteri, provocando un’infiammazione, spesso chiamata mastite.

Mentre molte persone associano questa condizione all’allattamento al seno, le persone che non allattano possono ugualmente contrarre infezioni.

Questo articolo esplorerà le infezioni al seno in modo approfondito e dettagliato, inclusi i loro sintomi, i fattori di rischio e le opzioni di trattamento.

I SINTOMI

Donna con influenza come sintomi causati dall'infezione sinusale

I sintomi di un’infezione al seno possono includere febbre, sintomi simil-influenzali e nausea.

In alcuni casi, una persona con un’infezione al seno può notare una lesione infetta sulla superficie del seno.

I sintomi dell’infezione mammaria possono includere:

  • Petto caldo durante il tatto
  • Capezzoli incrinati o danneggiati
  • Febbre
  • Sintomi simil-influenzali, inclusi dolori muscolari e stanchezza
  • Nausea
  • Dolore al petto
  • Strisce rosse sul petto
  • Piaghe al petto che difficilmente guariranno

Alcune persone possono sviluppare ulcere sulla pelle, che possono causare pus o sangue.


Ecco cosa succede al tuo corpo se inizi a bere acqua di cocco tutti i giorni per un mese

TIPI E CAUSE

Esistono diversi tipi di infezione sinusale, tra cui:

  • Infezione centrale o subareolare  , si verifica quando i dotti del latte si infettano o si infiammano con un ascesso. Questa infezione è più probabile che si sviluppi nelle persone che fumano tabacco. Oltre ad avvertire i sintomi in entrambi i seni, è comune notare cambiamenti nel capezzolo, come la retrazione dello stesso.
  • Mastite granulomatosa lobulare  , può causare una massa dolorosa ma non cancerosa sviluppata nel seno. Le persone con questa condizione mammaria possono avere problemi a trattare l’infezione con antibiotici.
  • Infezione periferica, senza allattamento  , si verifica più frequentemente in persone con condizioni mediche persistenti, come il diabete o l’artrite reumatoide. Anche quelli con una storia di trauma al seno o di assunzione di steroidi sono a maggior rischio. Questo tipo di infezione porta spesso a infiammazione o ascesso visibile nel seno.
  • Infezione della pelle  , come la cellulite. Possibili cause di infezione includono le cisti sebacee, ovvero quelle che crescono nelle ghiandole produttrici di petrolio. Le persone con un seno grande o una storia di chirurgia del seno o radioterapia hanno un rischio più elevato di tale infezione.

La mastite è molto comune durante l’allattamento perché una donna può sperimentare una crepa nel capezzolo che può introdurre batteri nel seno.

Inoltre, il condotto del latte può ostruirsi a causa di uno svuotamento incompleto del seno o di una pressione eccessiva sul seno. I condotti del latte intasati permettono ai batteri di moltiplicarsi, il che può portare all’infezione. Impara cosa fare al riguardo qui.

DIAGNOSI

Il medico chiederà i sintomi di una persona e se sta allattando al seno, ha una storia di trauma al seno o se ha mai avuto un intervento chirurgico o un trattamento al seno.

Il medico chiederà anche ulteriori sintomi, come febbre, brividi o stanchezza. Possono anche esaminare fisicamente il seno e il capezzolo.

In alcuni casi, possono prendere una coltura o un campione di secrezione mammaria per determinare il tipo di batteri che stanno crescendo nel seno. Conoscere il tipo di batteri può aiutare un medico a prescrivere il farmaco giusto.

TRATTAMENTO

Medico parlando con il suo paziente.

Un medico può prescrivere antibiotici se i batteri hanno causato l’infezione.

Il trattamento per un’infezione al seno spesso dipende dalla causa sottostante e dalla gravità dei sintomi.

Se una persona ha un ascesso mammario, un medico può raccomandare di drenare l’ascesso.

Un medico di solito prescrive antibiotici se l’infezione è dovuta a batteri. Di solito, i sintomi inizieranno a svanire entro 1 o 2 giorni di trattamento.

Le persone dovrebbero sempre seguire l’intero ciclo degli antibiotici, anche se iniziano a sentirsi meglio prima di completare il trattamento.

Raramente, una persona può richiedere un intervento chirurgico per rimuovere un dotto danneggiato per impedire che l’infezione ritorni.

Tuttavia, la chirurgia è l’ultima risorsa quando gli antibiotici e il drenaggio delle cisti sono inefficaci.


Stitichezza – Come rimuovere quasi 9KG di rifiuti fecali dallo stomaco con semplici rimedi casalinghi

RIMEDI CASALINGHI

Una persona può utilizzare una varietà di rimedi casalinghi per ridurre al minimo il dolore e il disagio dell’infezione.

I rimedi domestici includono:

  • Prendere antidolorifici over-the-counter (OTC), come paracetamolo o ibuprofene.
  • Bevi molti liquidi e riposa il più possibile.
  • Indossa indumenti larghi ed evitare fermagli stretti.

Se l’infezione al seno di una donna è dovuta all’allattamento, può adottare le seguenti misure per ridurre il disagio e ridurre al minimo la probabilità che l’infezione possa ritornare:

  • Continua l’allattamento al seno a meno che un medico non dica diversamente. Una donna non trasmetterà l’infezione a un bambino.
  • Assicurati che il seno infetto sia vuoto. Tuttavia, se questo è troppo doloroso, una donna può iniziare con il seno opposto. Quindi, è possibile che movimento di aspirazione del bambino sia più morbido.
  • Applicare impacchi caldi e umidi sulla zona dolorante.
  • Cerca di adottare posizioni diverse durante l’allattamento in modo che il seno possa essere svuotato. Un consulente per l’allattamento a volte può aiutare a identificare posizioni alternative del corpo o altri modi per facilitare l’allattamento al seno.
  • Massaggiare le zone del torace che si sentono forti con una leggera pressione durante l’allattamento. Questo massaggio può aiutare a prevenire l’intasamento del condotto.

Se i sintomi di una persona non migliorano con antibiotici e trattamenti da banco, dovrebbero parlare con un medico.

La gente dovrebbe anche consultare un medico se hanno strisce rosse che hanno origine all’interno e si estendono per l’ascella o se c’è del sangue o pus nel latte materno.

Pensi che questo articolo sia stato d’aiuto? Allora condividilo con le tue amiche in modo tale da poter prevenire questi sintomi molto pericolosi!