DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Aprile 3, 2019

Redazione DonnaWeb

Questo bambino fece notizia nel 1983 per essere nato di 16kg. Ora è cresciuto ed è ancora famoso per le sue dimensioni

Quando la venticinquenne Patricia Clarke rimase incinta nel 1983, aveva più di una semplice sensazione che suo figlio sarebbe stato dalla parte dei grandi.

Non si sarebbe mai aspettata quanto sarebbe enorme il bambino che stava portando in grembo.

Patricia ha dato alla luce Kevin Robert Clark, con oltre 16 chili sin dalla nascita. All'epoca, non era solo il più grande bambino mai nato al Community Memorial Hospital, ma forse il più grande bambino nello stato del New Jersey.

YouTube / Inside Edition

Non poteva adattarsi a una culla di dimensioni standard, ed i suoi vestiti per bambini erano troppo piccoli per lui, ma Kevin era - con grande sollievo dei suoi genitori - perfettamente in salute.

Naturalmente, non passò molto tempo prima che le sue dimensioni venissero notate. Ha fatto scalpore in tutto il paese, non solo ispirando un segmento in "Saturday Night Live", ma anche ricevendo una menzione su "Good Morning America", un noto programma Americano.

YouTube / Inside Edition

Un altezza che fece scalpore

Ma Kevin non aveva finito di stare sotto riflettori. all'età di 12 anni era alto circa 1,73m. Da lì, continuava a crescere.

"Non c'è un giorno che passa quando qualcuno mi chiede quanto sono alto", ha detto Kevin in un intervista.

Pubblicità

"Quando le persone chiedono se gioco a basket, chiedo loro se giocherebbero a golf in miniatura ".

YouTube / Inside Edition


Ti senti stanca? – Secondo uno studio puoi fare a meno di bere il caffè – Basta “pensarlo”

Oggi Tom ha 35 anni. È un ex militare che vive con una moglie alta la metà di lui ed hanno un cane.

Ha più che imparato a convivere con il fatto che è più grande di quasi tutti gli altri. In effetti In questi giorni, Tom è alto 2,10m

Per vedere di più sulla sua incredibile storia, guarda il video qui sotto (In inglese):

Non è facile essere letteralmente nati sotto i riflettori, né crescere con persone che ti fanno domande per la maggior parte del tempo. Detto questo, Kevin sembra gestire bene tale situazione ... e gli auguriamo il meglio per andare avanti!

Se hai pensato che questa storia fosse interessante condividi l'articolo su Facebook in modo che i tuoi amici e la tua famiglia possano vederlo e restare a bocca aperta!

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram