DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Giugno 18, 2021

Alessandro Giordano

Omicidio Khrystyna Novak, dopo 7 mesi arriva la verità, ecco la confessione del killer

Dopo 7 mesi dalla tragica scomparsa della ragazza Khrystyna Novak, arriva finalmente la confessione del principale sospettato del caso, Francesco Lupino.

La ragazza ucraina era scomparsa nei primi giorni di Novembre 2020, dopo diversi mesi di continue ricerche, gli agenti hanno trovato il corpo solo il mese scorso in un casolare abbandonato a Castelfranco Di Sotto, provincia di Pisa.

Causa della scomparsa di Khrytyna

Pubblicità

La ragazza viveva con il fidanzato Airam Gonzalez Negrin, che era stato arrestato per porto d'armi illegale, nonché spaccio di stupefacenti.

Anche Khrystyna era stata portata portata in questura insieme al fidanzato, dopo che gli agenti trovarono nell'abitazione a Orientano diverse armi, una serra per coltivare Marijuana e oltre 4kg di droga.

Maddalena Corvaglia innamorata di Paolo Berlusconi, la notizia inaspettata

Nonostante ciò, venne arrestato solo il fidanzato e la ragazza venne rilasciata.

Khrystina poco dopo tornò a casa ma poi andò via senza portarsi oggetti principali quali documenti e portafoglio, secondo quanto riferito dai vicini.

Francesco Lupino: "L'ho uccisa io"

Il fidanzato di Khrystyna era in rapporti d'affari con Francesco Lupino, un tatuatore fiorentino 49 enne che era complice nei lavori illegali di Airam Gonzalez, con quest'ultimo che voleva uscire dal giro dicendo che avrebbe fatto anche il nome di Lupino.

L'uomo che ha ucciso la ragazza ha finalmente confessato dopo 10 ore di interrogatorio, dopo aver sempre negato l'omicidio arrivano finalmente le reali dichiarazioni.

Ecco come sono morti i fratellini di Ardea: i risultati dell’autopsia

Secondo quanto detto da Francesco Lupino, avrebbe ucciso la ragazza per vendicarsi del fidanzato che avrebbe fatto il suo nome per definirlo come complice dei suoi giri d'affari illeciti, da qui nasce la voglia di vendetta e di porre fine alla vita della 29 enne.

Pensavano al matrimonio

Il fidanzato dal carcere era molto preoccupato per le condizioni di Khrystyna, non a caso chiese al suo legale di riferirle il seguente messaggio:

"Telefona qualcuno, fatti trovare, siamo in ansia per te".

Purtroppo non è stato sufficiente a salvare la sua vita, secondo quanto detto dalla madre di Khrystyna, la ragazza era molto legata al suo fidanzato, al punto da voler iniziare a pensare un possibile matrimonio.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram