“Mia figlia non farà più i compiti a casa” lo sfogo di una mamma diventa virale

La mamma di una bambina di 10 anni, Bunmi Laditan era stanca di vedere la figlia sempre più stressata dai tanti compiti che le lasciava la maestra da fare a casa. A scuola dalle 8 del mattino fino alle 4 del pomeriggio, poi a casa a studiare per altre due o tre ore. Ha decido così di mandare una mail alla scuola per comunicare quello che aveva deciso di fare: “Mia figlia non farà più i compiti a casa, i bambini hanno il diritto e il bisogno di essere bambini“.

Questa specie di slogan è diventato particolarmente popolare su Facebook raccogliendo 61mila mi piace e oltre 16mila condivisioni in pochi giorni.

Nella mail la mamma inoltre parla dei “sintomi” della figlia: risvegli improvvisi nel cuore della notte, dolore al petto, preoccupazione fissa per i compiti da fare. La voglia di imparare della piccola è tanta ma negli ultimi anni la scuola sembra essere diventata un impegno troppo pesante da sopportare.


La bambina è stata vista anche da un terapista che, insieme alla mamma, è giunto alla conclusione di dover alleggerire il carico dei compiti a casa per la piccola. La madre in realtà vorrebbe eliminarli completamente e spiega perchè nel post:

 

“Mia figlia è a scuola dalle 8.15 della mattina alle 4 del pomeriggio tutti i giorni, qualcuno quindi può spiegarmi perché deve fare i compiti per altre due o tre ore una volta tornata a casa? Che senso ha fare i compiti fino alle 6.30, poi cenare e rilassarsi per un’ora prima di andare a letto? Non è importante il tempo da trascorrere in famiglia? Il tempo speso semplicemente a essere bambini rilassandosi a casa non è importante? O dovrebbe diventare una piccola ‘workaholic’ a soli 10 anni?”.

fonte:huffingtonpost


Lo sfogo di una mamma su Facebook: “Basta compiti, il pomeriggio si deve giocare”

NIENTE COMPITI PER IL LUNEDI’, LO DICE LA CIRCOLARE MINISTERIALE N°177