DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Dicembre 21, 2021

Redazione DonnaWeb

Menopausa: dubbi, curiosità e come riconoscere i sintomi della premenopausa

Nel parlare comune si dice premenopausa per riferirsi al periodo che precede la menopausa; più correttamente si dovrebbe utilizzare il termine perimenopausa, che corrisponde al periodo di alcuni mesi precedente alla menopausa. Questa è infatti definita come la fase della vita che inizia 12 mesi dopo l’ultima mestruazione. I sintomi della perimenopausa sono simili a quelli della menopausa, a parte ciò che riguarda il ciclo mestruale.

Non è infrequente avvertire sintomi di menopausa a 46 anni, ma per molte donne arriva dopo i 50 anni. Non è facile indicare l’età in cui si può entrare in menopausa, perché ogni donna è una storia a sé. Questa ultima età è quella considerata più comune per la menopausa, anche se non sono rari casi di menopausa precoce o tardiva. Tutti questi sintomi sono correlati alla diminuzione della produzione di ormoni da parte delle ovaie.

I sintomi della perimenopausa

Pubblicità


Sono vari i sintomi che molte donne avvertono durante la perimenopausa. Si tratta di vampate di calore notturne, ciclo mestruale irregolare, stanchezza diffusa e dolori articolari, difficoltà a dormire bene la notte, secchezza vaginale, calo della libido, sbalzi d’umore, e in casi più rari anche lievi alterazioni o problemi della pelle. A parte l’irregolarità del ciclo mestruale, questi sintomi si possono tutti ritrovare nella menopausa, insieme con secchezza e scarsa elasticità della pelle, aumento di peso o anche incontinenza e metabolismo più lento.

Convivere con i sintomi della menopausa


La menopausa è una fase della vita della donna, che dura solitamente alcuni decenni. Visto che i sintomi sopra elencati si possono manifestare con una certa frequenza, è bene imparare a conviverci, cercando di limitarne la gravità o anche l’effettivo manifestarsi. Effettivamente nella maggior parte dei casi adottare uno stile di vita sano consente di ridurre fortemente i sintomi della menopausa: nella frequenza e nella severità. Ricordiamo comunque che non tutte le donne li avvertono e solitamente si presentano con una certa sporadicità. Consumare frutta e verdura di stagione, bere molta acqua, fare sport e limitare l’apporto calorico sono tutte abitudini che consentono di ridurre in modo significativo questi sintomi. Chiaramente se non si pratica alcuno sport è bene avvicinarsi all’attività fisica gradualmente, magari seguite da un personal trainer.


Ogni donna dovrebbe recarsi dal ginecologo per un controllo annuale, indipendentemente dal proprio stato di salute. È chiaro che le modificazioni nel ciclo mestruale dovrebbero essere un campanello d’allarme sufficiente a spingerci dal medico subito, per un controllo aggiuntivo. Non ci si deve comunque preoccupare, nel senso che la menopausa, così come la perimenopausa, seguono le normali modificazioni del nostro corpo nel corso della vita e solitamente non causano sintomi che necessitano di cure specifiche o di assumere farmaci. È bene poi ricordare che alcuni sintomi, quale ad esempio la secchezza vaginale, può portare a sviluppare più facilmente infiammazioni e infezioni batteriche o fungine. In questi casi il consiglio del ginecologo risulta prezioso; è anche possibile che il medico consigli l’utilizzo di pomate locali o di integratori, per evitare i fastidi correlati a questo sintomo.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram