MENINGITE, COME PROTEGGERSI? COME INTERVENIRE? COSA E’ MEGLIO EVITARE?

La meningite causa disturbi neurologici gravi che possono portare a paralisi, ritardo mentale, sordità, epilessia; per identificare il germe c’è bisogno di analisi di laboratorio e prelevare il liquido con cui sono a contatto le meningi, il cervello e il midollo spinale; tale prelievo si fa con una puntura lombare, solitamente si utilizza un analgesico locale, poiché la puntura può essere dolorosa.

Tali test richiedono diverso tempo per essere analizzati ma in caso di presenza di meningite bisogna muoversi subito; molti medici, considerando l’eventualità più grave, che la malattia abbia un’origine batterica, danno, ancora prima di conoscere i risultati, una dose endovenosa di antibiotici efficaci contro molti batterici, ai quali si associano antinfiammatori per ridurre le infiammazioni delle meningi.

UNGHIE RIGATE: POTREBBERO ESSERE IL SINTOMO DI UNA MALATTIA O CARENZA DI VITAMINE

Qual è la terapia da seguire?


In caso si sospetti la meningite si devono assumere subito degli antibiotici, quali ampicillina, penicillina o cloramfenicolo, senza aspettare i risultati degli esami di laboratorio. I medicinali vanno somministrati in vena, solitamente per sette giorni. Una volta individuato, attraverso i risultati degli esami, il microrganismo responsabile si può variare la terapia.  Se la meningite è dovuta a un virus o a un fungo si ricorre ad altri farmaci, antivirali o antifungini. Per favorire la guarigione, si consiglia riposo e corretta idratazione.

ADDIO AMNIOCENTESI, UNA GOCCIA DI SANGUE BASTA A RIVELARE EVENTUALI MALATTIE DEL FETO

Come fare per prevenire la meningite?

-Lavarsi le mani dopo aver pulito, tossito o soffiato il naso
-Portare con se dei fazzoletti usa e getta con cui coprire la bocca quando si tossisce o starnutisce
-Buttare i fazzoletti dopo il primo uso
-Non toccare occhi, bocca e naso dopo aver toccato oggetti
-Lavare le mani con acqua e sapone liquido e asciugarli con la carta quando si usano servizi igienici pubblici
-Avere sempre un asciugamano personale
-Utilizzare disinfettanti, salviette e detergenti in caso di mancanza di acqua e sapone
-Evitare i luoghi troppo affollati o chiusi
-Evitare di avvicinare troppo la bocca a qualcuno che è malato
-Non condividere piatti, bicchieri, posate, tovaglioli e asciugamani, sono veicoli di germi
-Non portare alla bocca penne, matite e oggetti utilizzati da altri
-Non tenere chiusi i finestrini in caso di viaggio in treno o autobus.

FONTE