Le unghie possono avere varie forme, qual’è la forma adatta a te? Scoprilo

unghie a stiletto

Avere la forma delle unghie perfetta e in armonia con la propria mano valorizza il look e aumenta il fascino e l’ eleganza, per questo motivo abbiamo deciso di spiegarvi le varie forme, ma prima di farlo dobbiamo spiegarvi due termini: letto ungueale e margine ungueale.

Il letto ungueale è la porte dove poggia l’unghia, mentre la parte bianca, quella che tagliamo quando accorciamo l’unghia è chiamata margine ungueale.

Forma delle unghie ovale

La forma ovale è molto richiesta dalle donne e sta bene quasi a tutte, da un tocco di eleganza e femminilità.

Per ottenere una perfetta forma ovale bisogna iniziare dai lati raddrizzando bene le linee in modo che appaiono uniformi, poi limitare partendo dai lati fino alla punta con movimenti leggeri e delicati. Lavorare sul bordo di entrambi i lati per ottenere la forma desiderata.

A chi stanno bene le unghie ovali? Sia a chi ha un letto ungueale lungo che corto, questa forma è perfetta per slanciare le dita in ogni caso.

Forma delle unghie quadrata

La forma quadrata è quella classica che realizza quando si fa un french manicure su una ricostruzione unghie che sia in gel o in acrilico e permette più spazio per le decorazioni. Ha parti laterali dritte e una bombatura a livello del letto ungueale.

Per ottenere questa forma bisogna lavorare sui lati che devono essere dritti e paralleli tra loro. Poi tocca al margine ungueale che deve avere una forma perfettamente retta, per farlo basta mettere la lima in posizione perpendicolare all’unghia come a formare una T. Una volta fatto aggiustare gli angoli se serve.

LEGGI ANCHE: UNGHIE ROVINATE DOPO LA RICOSTRUZIONE? ECCO COME RINVIGORIRLE

A chi stanno bene? Questa forma non è adatta a tutte le forme di letto ungueale, per esempio, non va bene se è troppo corpo e largo perché renderebbe le unghie tozze. Chi ha un letto ungueale lungo, questa forma è perfetta, sfina e allunga le dita.



Forma delle unghie squovale

La forma squovale indica una via di mezzo tra quella quadrata e quella ovale, è un termine coniato di recente e raramente si trova nei libri dedicati alle unghie.

Per realizzare questa forma bisogna lavorare inizialmente come se si volesse riprodurre la forma quadrata ma con la differenza che si devono leggermente arrotondare le punte ai lati. Per farlo posizionate la lima di lato e fate movimenti morbidi verso il centro, sia da un lato che dall’altro. Non calcate troppo la mano altrimenti rovinerete la forma dell’unghia.

A chi stanno bene? A coloro che hanno un letto ungueale corto e largo.

Forma delle unghie rotonda

E’ la forma perfetta per chi non vuole un look esagerato ma delicato e poco evidente, rispetta la forma naturale delle unghie, per questo è una scelta fatta anche da molti uomini.

Per realizzare questa forma bisogna partire dai lati dell’unghia, la forma deve essere dritta come quando si vuole realizzare quella quadrata ma spostata verso l’interno. Poi arrotondare la parte superiore facendo movimenti leggeri prima da un lato e poi dall’altro e poi controllare che i due lati siano perfettamente uguali.

 A chi stanno bene? In questo caso la dimensione della mano è importante: se il letto ungueale è largo e la mano grande questa forma può aiutare a far apparire la mano più affusolata.

Forma delle unghie a stiletto

Questa forma è insolita e non la si vede spesso i giro anche se le appassionate di nail art stanno iniziando ad apprezzarne l’originalità. Le origini sono russe.

Per realizzare questa forma immaginate una linea ideale che sia perfettamente al centro dell’unghia, partendo dalla cuticola fino ad arrivare alla punta. Iniziate a limitare verso la punta della linea immaginaria dove inizia la parte bianca dell’unghia fino ad arrivare precisamente alla parte superiore. Il punto centrale della linea deve corrispondere alla bombatura dell’unghia.

A chi stanno bene? Questa forma allunga notevolmente la mano e quindi è adatta alle mani piccoli e a letti ungueali.