La studentessa non esce più di casa perché le persone scappano appena vedono il suo volto senza trucco

Uno studente rifiuta di uscire perché ha paura che le persone penseranno che lei sia un “vero e proprio mostro” quando la incontrano per strada.

Abigail Collins soffre di acne acuta sul viso e afferma di aver danneggiato le sue possibilità di incontrare qualcuno e iniziare una relazione.

La diciannovenne di Glasgow, in Scozia, aveva solo 10 anni quando iniziò a notare dei segni preoccupanti sul viso, ma col passare del tempo le puntine occasionali diventarono più frequenti e nel 2014 Abigail stava affrontando un’acne cistica grave .

Ha detto: “Circa cinque anni fa ha raggiunto l’apice e la mia pelle era diventata rosso sangue. Ho avuto continui sfoghi e in nuove zone della pelle ogni giorno, lasciandomi con gravi cicatrici attualmente.

“Ho persino lottato per entrare in relazione con delle persone perché ero così imbarazzata della mia pelle e del mio aspetto, specialmente per una relazione d’amore, quindi ho cercato, e continuerò a farlo, di non uscire da casa.

Un problema ingestibile

Ha iniziato a soffrire di questa malattia 10 anni fa ed è stata vittima di bullismo a scuola.  Credito: Media Drum World
Ha iniziato a soffrire di questa malattia 10 anni fa ed è stata vittima di bullismo a scuola. Credito: Media Drum World

“Non esco solo perché non voglio che nessuno pensi che io sia orribile o che non sia onesto sul mio aspetto. È così difficile capire e vedere come un’altra persona ti interpreta.”

Quando era a scuola, Abigail ha detto di essere l’elefante nella stanza ed è stata presa di mira perché sembrava così diversa dalle altre coetanee.

Trascorreva fino a due ore cercando di nascondere le sue condizioni.

La ragazza attualmente studentessa di criminologia ha dichiarato: “Sono stata vittima di bullismo per anni sulla mia pelle e sul mio aspetto, principalmente perché nessun altro sembrava uguale a me, il che significava che ero l’emarginata del gruppo.

Trascorreva due ore a truccarsi per nascondere le sue condizioni.  Credito: Media Drum World
Trascorreva due ore a truccarsi per nascondere le sue condizioni. Credito: Media Drum World

Nel corso del tempo, tuttavia, Abigail ha capito che a nessuno importava davvero di come appariva e ora raramente porta il trucco alle lezioni, usandolo invece per le serate.

Abigail ora vuole ispirare le donne come lei ad abbracciare il loro aspetto.  Credito: Media Drum World
Abigail ora vuole ispirare le donne come lei ad abbracciare il loro aspetto. Credito: Media Drum World

“Ho lottato con l’idea di dover trasferirmi per l’università perché avevo paura che avrei avuto una brutta reazione da parte delle persone con cui avrei vissuto”, ha spiegato.

“Non uscivo da casa”

All’inizio ero molto imbarazzata e ho saltato quasi tutte le lezioni quando la mia pelle era inguardabile, ma quando sono giunta al secondo anno, mi sono resa conto che a nessuno importava.”

Abigail ora condivide la sua storia su Instagram, nella speranza che ispirerà più persone come lei ad abbracciare il loro aspetto.

Ha detto: “Instagram mi ha aiutato così tanto, finalmente ho visto tante altre persone che mi assomigliano e mi hanno fatto sentire meno sola in questo mondo. È bello poter chattare con le persone su come mi sento o su come è la nostra pelle, un è qualcosa che non puoi discutere con la maggior parte delle persone.

“Spero di mostrare agli altri che l’ acne non ti definisce e che non sei mai sola come pensi. Ci sono sempre persone là fuori che possono mettere in relazione e comprendere ciò che stai attraversando e possono aiutarti.”