DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Ottobre 31, 2019

Redazione DonnaWeb

Etichettato a scuola come "cattivo" riceve 30 milioni di risarcimento

Un bambino di sette anni marchiato "cattivo" a scuola ha vinto un risarcimento di 30 milioni dopo che un tribunale ha accettato che il suo comportamento derivasse dalla sua confusa nascita.

Il ragazzo ha avuto un trauma cranico alla nascita dopo la nascita con un taglio cesareo d'emergenza in un ospedale di Londra era stato ritardato.

Dopo la sua nascita all'University College Hospital nel giugno 2012, ha dovuto essere rianimato per 72 ore nel tentativo di proteggere il suo cervello.

Pubblicità

Secondo lo studio legale che rappresenta la famiglia del ragazzo, si presenta come qualsiasi altro bambino, ma durante la sua breve vita ha mostrato "comportamenti gravemente anormali".

La madre e il padre erano stati accusati di essere "cattivi genitori" da parte dei servizi sociali e degli operatori sanitari che lavoravano con il ragazzo per anni di diagnosi errata.

L'autorità locale della famiglia aveva faticato a metterlo in una scuola a causa delle sue urla, mordeva, sfidava ed era troppo impulsivo.

Le esplosioni del ragazzo sono così frequenti che richiede sempre due operatori di supporto, ed è stato escluso dalla scuola quasi ogni giorno.

Attualmente vive con i suoi genitori e fratelli nella loro casa a nord di Londra e frequenta un'unità di cura in una scuola specializzata con i propri assistenti sociali..

Il padre si occupa anche della madre del ragazzo, che è su una sedia a rotelle.

Quando la mamma ha visto quanto erano pessime le condizioni del suo bambino dopo la nascita, ha subito "un forte shock".

Soffriva di moderata encefalopatia neonatale, segni di difficoltà respiratoria, ipoglicemia neo-natale, sepsi , convulsioni e ipertensione polmonare persistente.

Lunedì un giudice dell'Alta Corte ha approvato un accordo di £ 30 milioni per il bambino, dopo che uno studio legale ha presentato una richiesta di negligenza medica per conto della sua famiglia.

"Gli esperti hanno trovato difficile valutare la causa della lesione e stabilire se esistesse una ragione genetica per alcuni o tutti i problemi di sviluppo neurologico.

"Siamo lieti che, nonostante la differenza nelle opinioni degli esperti, abbiamo raggiunto un accordo con la famiglia.

"Speriamo che i soldi andranno in qualche modo verso il futuro di questo giovane."

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram