Come organizzare il cenone di Natale risparmiando

Anche quest’anno Natale è arrivato molto velocemente, il mare e la spiaggia ci sembrano ancora così vicini, invece, è arrivato il momento di fare l’albero e di iniziare a pensare al cenone della Vigilia di Natale.

menu-natale-low-cost

Si sa, Natale sulle nostre tavole italiane è sinonimo di tanti piatti gustosi, dolci e abbondanza ed organizzare un menù all’insegna del risparmio è davvero difficile, ma noi abbiamo deciso di darvi qualche suggerimento.

Organizzare il cenone risparmiando: consigli utili

Per tradizione, la cena della sera del 24 dicembre vede come protagonisti pesce e verdure a cui poi si aggiungono dolci tipici natalizi, pandoro, torrone, panforte e tutte le specialità regionali.

Per risparmiare senza uscire fuori dalla tradizione possiamo acquistare del pesce più economico, sia per gli antipasti che per i piatti centrali: la ricciola, per esempio, è un pesce molto saporito che può essere sfruttato per realizzare tanti piatti in modo creativo spendendo molo meno.

Con la ricciola si può fare un antipasto marinato, aggiungendo odori freschi e olive e un filo di olio e limone; si può preparare uno ripieno per agnolotti, ravioli e tortelli, oppure, può essere cotta al vapore o al forno diventando un secondo piatto delizioso.


Per chi poi ama preparare il brodo, la sera della vigilia, si può utilizzare la ricciola come un ottimo brodo di pesce da servire per aprire il pasto, insieme alle quenelle o alla piccola pasta fresca.

Con un solo pesce abbiamo quindi antipasto, primo e secondo, ottimo vero?

Di conseguenza possiamo scegliere delle verdure che si possono adattare in modi diversi ai piatti: patate, zucchine, cavoli, pomodori e verze, che siano preparate al forno, fritte in pastella, cotte in agrodolce o a insalata, la stessa verdura può accompagnare diversi piatti.

LEGGI ANCHE: ALBERI DI NATALE DI BISCOTTI E PANNA

 Come risparmiare preparando pane e pasta in casa

Anche preparare pasta e pane in casa è un altro modo per risparmiare, con il vantaggio che le cose fatte in casa si conservano più a lungo e ci danno la possibilità di creare tante alternative con lo stesso impasto.

Con la pasta del pane possiamo creare panini, grissini, torte salate; con la sfoglia possiamo creare qualsiasi formato di pasta e usarla anche come base per un dolce alla frutta secca.

Infine, a tavola non possono mancare i dolci tipici del Natale come Pandoro, Torrone, Panettone, che anche in questi casi possiamo preparare in casa, se avete dimestichezza con la preparazione dei dolci.

Insomma ci vuole un po’ di tempo ma il risultato finalmente sarà soddisfacente e avremo un bel cenone all’insegna del risparmio.