Sign in / Join

CAUSE E SINTOMI DELL’ALZHEIMER, COME RICONOSCERE LA MALATTIA

Quali sono le cause e i sintomi dell’Alzheimer? Iniziamo col dire che si tratta di una demenza senile comune, una malattia che distrugge la memoria gradualmente e con essa, anche le capacità cognitive.

I primi sintomi dell’Alzheimer compaiono solitamente dopo i sessant’anni di età, a volte il suo esordio viene sottovaluto, ma durante le varie fasi della malattia, il soggetto manifesta diverse difficoltà di linguaggio e di memoria sempre più evidenti.

I sintomi

Il morbo di Alzheimer aumenta con l’età, i sintomi sono legati a problemi di memoria, il soggetto tende a perdere l’orientamento, a ripetere frasi. Inizialmente, i pazienti hanno problemi con la concentrazione e con le motivazioni per continuare una certa attività, hanno problemi di organizzazione e di pensiero logico, perdono la confidenza col denaro e con i luoghi che conosco da sempre. Inoltre, appaiono più irritabili e preferiscono non prendere decisioni.

I sintomi dell’Alzheimer moderato

Nella seconda fase della malattia i sintomi coinvolgono il ragionamento, il pensiero e il linguaggio, i soggetti non distinguono le persone, anche i familiari, si preoccupano di più dell’aspetto fisico, ripetono continuamente frasi e movimenti, non riescano a portare a termine un compito. Non riescono a comportarsi nel modo giusto e compiono azioni di minaccia verso gli altri. In alcuni casi sono presenti anche allucinazioni uditive e visive.

I sintomi dell’Alzheimer grave

La fase terminale della malattia è grave, perché il tessuto del cervello è diminuito nelle dimensioni e si hanno i primi sintomi preoccupanti, il soggetto deve essere seguito sempre da un’altra persone perché non riconoscono più familiari, dicono frasi prive di senso, perdono il controllo delle vescica, non ricordano le azioni da compiere per camminare e possono avere convulsioni.

La diagnosi

Per diagnosticare l’Alzheimer esistono vari metodi, per prima cosa il medico vorrà conoscere lo stato di salute del soggetto ed eventuali altre malattie, potrebbero essere utilizzati test della memoria e dell’attenzione.

Altri esami: esami del sangue, esami del midollo spinale, tomografia computerizzata, risonanza magnetica.

La degenerazione dovuta alla malattia non può essere fermata, una diagnosi precoce è fondamentale per ritardare la comparsa di alcuni sintomi, in questo modo la funzionalità del cervello viene conservata più a lungo e i familiari possono preparare un sistema di supporto e di assistenza ottimale.

Fonte

LEGGI ANCHE: CAUSE DELL’ALZHEIMER, QUALI SONO I FATTORI DI RISCHIO

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi