CAUSE DELL’ALZHEIMER, QUALI SONO I FATTORI DI RISCHIO

L’Alzherimer è una forma di demenza senile comune che colpisce i soggetti dopo i 60 anni e che comporta una degenerazione progressiva del cervello con distruzione delle memoria e delle capacità cognitive, rendendo il soggetto per niente autosufficiente.

Le cause

Nonostante i tanti studi, gli scienziati non hanno trovato cause precise che siano in grado di spiegare il morbo di Alzherimer, è un processo degenerativo che inizia con lo sviluppo di ammassi nella corteccia entorinale, zona profonda del cervello e di placche in altre aree

Questo processo provoca perdita di efficienza dei neuroni, che con il passare del tempo non comunicano più tra di loro e muoiono, il tutto si diffonde nell’ippocampo, area del cervello fondamentale per la memoria.

Il tessuto cerebrale perde la sua estensione nel tempo e si riduce significativamente, mentre nello stadio finale della malattia si diffonde in tutte le aree del cervello.



Secondo le varie ricerche, sicuramente cause ambientali e stile di vita influiscono sulla comparsa della malattia, ma si tratta di situazioni diverse da paziente a paziente. Gli studiosi sono ancora a lavoro per capire lo sviluppo della malattia e la sua manifestazione.

Lo stile di vita

Dalla ricerche sono emersi alcuni collegamenti tra i problemi cognitivi e i disturbi come pressione alta e diabete. Fare attività fisica, mantenere allenato il cervello e avere un’alimentazione sana e corretta favorisce la salute dell’intero organismo.

La genetica

Anche la genetica ha la sua influenza, soprattutto in alcune persone che sviluppano il morbo di Alzheimer giovanile, tra i 30 e i 50 anni; si tratta di casi molto rari, che non hanno a che fare con lo sviluppo della patologia a 60 anni. In situazioni come queste la malattia è ereditaria, causata dalla mutazione di un gene ereditato dal genitore.

Fonte

LEGGI ANCHE: CAUSE E SINTOMI DELL’ALZHEIMER, COME RICONOSCERE LA MALATTIA