Alzheimer, dormire poco ne aumenta il rischio?

Una domanda che forse poche persone si pongono: dormire poco può far aumentare il rischio di ammalarsi di Alzherimer in età avanzata?

 

A quanto pare, dormire poco non solo ci fa sentire più stanchi e meno concentrati ma in età avanzata, fa aumentare il rischio di insorgenza e aggravamento dell’Alzheimer.

Ad affermarlo è uno studio della  Hopkins Bloomberg School of Public Health, pubblicato sulla rivista JAMA Neurology.


I ricercatori hanno monitorato i dati relativi a devi volontari di età media di 76 anni che dormivano dalle 5 alle 8 ore a notte.

Grazie alla PET (positron emission tomography), che ha analizzato cervello e zone neuronali dei pazienti, si è scoperto che quelle che dormivano meno o con sonno interrotto spesso durante la notte, avevano valori di peptidi beta-amiloidi più alti.

Questo marker è molto noto nelle persone che hanno la tendenza ad ammalarsi di Alzheimer.

LEGGI ANCHE: I CIBI RICCHI DI MAGNESIO AIUTANO A PREVENIRE L’ICTUS

Per questo motivo dormire almeno 8 ore a notte senza interruzioni è importantissimo non solo per far riposare pienamente l’organismo e avere le giuste energie per affrontare la giornata, ma anche per abbassare il rischio di ammalarsi di Alzheimer.

Il riposo, sopratutto per gli anziani è di vitale importanza, perché aiuta a mantenere il proprio fisico in salute e a ridurre la possibilità di contrarre patologie gravi come questa.