3 buoni motivi per i quali non dovresti usare la notte lo smartphone

Nell’era moderna, gli smartphone sono diventati una parte inevitabile della nostra routine quotidiana, e questo non sarebbe poi così male se non fossimo così dipendenti da questi dispositivi.

Tuttavia, passiamo la maggior parte del nostro tempo libero a guardare lo schermo, controllando la presenza di nuovi messaggi, previsioni del tempo, notizie e notifiche.  Le radiazioni dovute all’esposizione ai telefoni cellulari comportano gravi rischi per la salute, soprattutto di notte, a causa della “luce blu” che emettono.

“La luce blu fa parte dell’intero spettro luminoso, il che significa che siamo esposti ad esso dal sole ogni giorno. Tuttavia, l’esposizione notturna a quella luce, che viene emessa ad alti livelli da smartphone, tablet, laptop e altri schermi a LED, potrebbe danneggiare la visione. Inoltre sopprime la produzione dell’ormone melatonina, che elimina i segnali naturali del sonno del tuo corpo. “

Ecco tre problemi principali causati dall’uso notturno degli smartphone:

1. Perdita del sonno

La luce blu interrompe la produzione di melatonina, l’ormone che regola il sonno e porta quindi all’insonnia e ai cattivi schemi del sonno. Secondo l’autore di uno studio recente che ha dimostrato che l’uso di questi dispositivi durante la notte riduce la qualità del sonno, il dott. Gregory Marcus, che è anche professore associato di medicina presso l’Università della California, a San Francisco.

Leggi anche: Wi-Fi: un killer silenzioso che ci uccide lentamente


“Quando abbiamo visto lo smartphone utilizzare il tempo in cui i partecipanti hanno riferito di essere andati a letto, più l’uso di smartphone in quel periodo, in particolare, è stato associato a un tempo più lungo per addormentarsi e peggiorare la qualità del sonno durante la notte.”

Questo, a sua volta, contribuisce ad aumentare di peso, pelle invecchiata, scarsa memoria, malattie cardiache e problemi, depressione, tempi di risposta lenti e molto altro.

2. Aumento del rischio di cancro

L’aumento della luce durante la notte ha contribuito a incrementare il rischio di cancro, in particolare il cancro al seno e alla prostata poiché la melatonina agisce da antiossidante ed è vitale per la lotta naturale del corpo contro questa malattia mortale.

3. Danni agli occhi

L’esposizione alla “luce blu” di notte danneggia la retina e porta alla degenerazione maculare, che è la perdita della visione centrale o la capacità di vedere proprio di fronte a voi. Questa abitudine potrebbe anche causare lo sviluppo di cataratta. 

Inoltre, secondo Logan Block, direttore dei contenuti di Sleepopolis.com:   “Diverse altre strategie possono anche aiutare a combattere gli effetti deleteri della luce blu. Per esempio:

  • Se lavori a un computer, è una buona idea distogliere lo sguardo dallo schermo per almeno 20 secondi circa ogni 20 minuti.
  • Alcune persone segnalano i vantaggi derivanti dall’utilizzo di app blu per il blocco della luce o di occhiali blu per il blocco della luce di notte e / o durante l’utilizzo di dispositivi digitali.
  • Esporti a molta luce naturale durante il giorno. Questo aiuta a rinforzare i ritmi circadiani naturali del tuo corpo, il che rende più facile cadere e rimanere addormentato durante la notte. Ma una volta che il tramonto si avvia, è una buona idea limitare il tempo trascorso intorno a queste lunghezze d’onda potenzialmente dannos