10 FRASI CHE NON DOVREMMO DIRE MAI AI NOSTRI FIGLI

Sappiamo bene quanto i genitori siano idoli per i bambini, importanti punti di riferimento, quindi evitiamo di dire alcune frasi che potrebbero turbarli o farci apparire “sbagliati” ai loro occhi.

Ecco 10 frasi che sarebbe meglio evitare:

????????

1- SBRIGATI

Chi di noi non è stressato dal lavoro, dalla vita frenetica, dalla mancanza di sonno e di tempo libero, si va sempre di fretta e sentiamo la pressione a mille perchè si va sempre di corsa, quante volte la mattina quando ci si prepara per uscire, per portare i figli a scuola esclamiamo “sbrigati”, pensiamo per un attimo a quanto spesso lo diciamo, quasi tutte le mattine prima di uscire battiamo i piedi sul pavimento, picchiettiamo le dita sulla porta, questi comportamenti ottengono spesso l’effetto contrario perchè fanno sentire i figli in colpa e li feriscono, non li motivano affatto a fare prima.

2- SEI DISORDINATO, SEI LENTO, NOIOSO

Se ripetiamo spesso al bambino quanto è noioso, lento, disordinato, penserà che se glielo dicono i suoi genitori lo sarà davvero, i bambini credono a tutto quello che sentono, non si mettono in discussione, assorbono come una spugna, cambiamo quindi queste frasi un pò e noteremo che il significato cambierà molto “cerca di stare più attento, di essere più ordinato, più svelto”  ma anche il loro atteggiamento cambierà.

3- DEVI CAPIRE…

Questa solitamente è una frase che preclude un lungo discorso scoraggiando ancora prima di iniziare il figlio che ascolta, dandosi quasi una giustificazione a non ascoltare a quello che diremo subito dopo, se il bambino è arrabbiato o deluso a poco serve una spiegazione, non è il momento per dare insegnamento, meglio aspettare che si calmi così da attirare maggiormente la sua attenzione.

ADOLESCENZA, COME CAMBIA IL RAPPORTO GENITORI-FIGLI?

4- NON OFFENDERTI PER OGNI SCIOCCHEZZA

Anche se per noi sono solo cose da niente per un bambino possono essere cose di grande importanza, se nostro figlio viene al nostro cospetto in lacrime perchè si è rotto il suo giocattolo preferito non dobbiamo dirgli che è una sciocchezza perchè per lui quel giocattolo era fondamentale per il suo mondo. Meglio non mostrarci sprezzanti e cerchiamo invece di mostrarci partecipi e consoliamolo con frasi significative.

5- NON HO I SOLDI PER ….

Se risponderemo così al nostro bambino lui penserà che nel momento in cui ci saranno i soldi potrà avere qualsiasi cosa, meglio allora spiegare perchè non si acquista in quel momento quello che lui desidera, si si tratta di cibo possiamo spiegare che ci sono alcuni cibi che fanno male, se si tratta di un gioco potremo rispondere che ne ha uno simile a casa, anche se lui non dovesse capire pienamente il motivo del nostro NO si comincerà ad abituare che non si può avere e comprare tutto quello che si desidera.


6- LO FACCIO IO PERCHE’  TU NON SEI CAPACE

Mai dire una cosa del genere ad un bambino perchè gli faremo perdere ogni iniziativa, si sentirà  un incapace, un buono a nulla e non avrà fiducia nelle sue future capacità. Per evitare situazioni simili lasciate che il bambino faccia, non farà magari come piace a noi all’inizio ma va tutto bene purchè si invogli in lui autostima e spirito di iniziativa.

IL GRUPPO DI PAROLA PER I FIGLI DEI GENITORI SEPARATI (a cura della dott. Manuela Vecera)

7- NON PIANGERE

I bambini hanno tutto il diritto di arrabbiarsi, di piacere, specie quando sono più piccoli perchè ancora non sanno esprimersi bene con le parole e devono dimostrare se sono tristi o hanno paura, è normalissimo voler proteggere i nostri figli da sentimenti negativi ma dire “non piangere, non stare così male” non li farà stare meglio, anzi potrebbero pensare che non hanno il diritto di provare emozioni, che non è giusto piangere, avere paura ed essere tristi.

Vostro figlio deve prendere coscienza del suo stato d’animo, date un nome alle sue emozioni così che potrà esprimerle al meglio, alla fine descriverà quello che prova e piangerà di meno.

8- BRAVO BEN FATTO

E’ giusto gratificare il proprio figlio, i rinforzi sono positivi, ma non diciamolo per ogni cosa che fa altrimenti diventerebbe un complimento vago, indiscriminato, senza senso. Proviamo ad elogiarlo solo quando fa qualcosa che richiede un grande sforzo. Sottolineiamo il comportamento del bambino in modo diverso, dicendo magari frasi del tipo “bravo hai fatto tutto quello che ti avevo chiesto” “che disegno bellissimo hai fatto, che bei colori hai usato”.

9- VATTENE VIA

Essere genitori non è un impegno da poco e spesso sentiamo il bisogno di isolarci di prenderci una pausa specialmente quando lo stress e la pressione quotidiana prendono il sopravvento, il problema è che se lo diciamo spesso ai nostri figli loro si convinceranno che non si può parlare con noi, che non ce ne frega nulla dei loro problemi e li allontaniamo sempre più da noi. Se si instaura questo tipo di rapporto sarà difficile per loro aprirsi nei nostri confronti.

Impariamo ad organizzarci e a prenderci un pò di tempo per noi lasciando i nostri bambini ad una baby sitter, ai nonni, ad una zia, così da poter ricaricare nuovamente le batterie, basta anche solo mezz’ora a volte, scommettiamo che poi sentirete la loro mancanza?

Consigli utili per aiutare i nostri figli a fare i compiti

10 SMETTILA DI FARE COSI’ ALTRIMENTI TI FACCIO PIANGERE IO

Capita a tutti di dire frasi del genere o “se lo fai ancora ti prendo a sberle” “fai così altrimenti le prendi”, il problema è che se poi non si mette in atto la minaccia si perde di credibilità, le minacce non sono mai efficaci. Meglio evitare e prevenire situazioni che potrebbero creare comportamenti sbagliati, meglio imporre loro una pausa di riflessione al posto di minacciarli.

Provate a mettere in pratica questi preziosi consigli!

FONTE