I vicini di casa non l’avevano mai vista pulire casa, quando muore a 101 anni entrano e rimangono sbalorditi

Queste pulizie tecnologiche venivano effettuate due volte l’anno. Inoltre nella casa della signora statunitense non c’era affatto bisogno di pulire manualmente, poiché c’erano degli irrigatori sul soffitto e sui pavimenti, in grado di far risplendere l’appartamento in maniera del tutto automatizzata. Alla fine degli anni Novanta Gabe era un’inventrice conosciuta di cui parlavano riviste e giornali e che veniva invitata ai talk-show americani; compare anche nel libro Fugitives & Refugees (2003) di Chuck Palahniuk, dedicato a personaggi curiosi e strampalati dell’Oregon. Gabe, scrive il New York Times, è stata ”un’americana davvero originale, contemporaneamente una sognatrice donchisciottesca e una visionaria di successo”. La casa di Gabe era una sorta di grande lavatrice o auto-lavaggio: una villetta di blocchi di calcestruzzo di circa 90 metri quadrati, con tutte le stanze munite di un irrigatore sul soffitto e pavimenti inclinati per il deflusso (con tutta una serie di marchingegni che proteggevano libri, ninnoli, lenzuola, tende e fotografie).  (Continua a leggere dopo le foto)