USA, ritirate 29 milioni di cassettiere IKEA a causa del decesso di sei bambini

Non è un buon momento per l’IKEA, l’azienda svedese più famosa del mondo deve vedersela con una serie di decessi, precisamente sei bambini, morti schiacciati dalla cassettiera Malm, uno dei prodotti più venduti dal brand.

Il primo caso avvenne nel lontano 1992, poi uno nel 1993, uno nel 2013 e tre morti tra il 2014 e il 2016, questi dati fanno capire che probabilmente manca un supporto solido, la cassettiera perde la sua stabilità quando vengono aperti i cassetti e viene messo maggior peso, come quello di un bambino che si arrampica o si aggrappa, in questi casi il mobile rischia di cadere.

L’azienda si è resa conto dell’instabilità del prodotto, al punto che nel 2015 ha provveduto a consegnare gratis dei componenti di supplemento per fissare il mobile alla parete, ma dopo l’ultimo episodio qualcuno ha deciso di mettere fine alla vendita della cassettiera.



Il presidente di Ikea America Lars Peterson, in accordo con Ikea Canada, ha sospeso la vendita dei pezzi perché potrebbero essere un pericolo.

I pezzi ritirati sono stati 29 milioni venduti tra USA e Canada, con un rimborso ai clienti di metà del valore del prodotto a patto che l’acquisto sia avvenuto prima del 2002, o in alternativa, la consegna di un kit solido per il fissaggio alla parete.

Fonte: http://www.nostrofiglio.it/news/usa-ikea-ritira-dal-mercato-29-milioni-di-cassettiere-dopo-la-morte-di-sei-bambini