Sign in / Join

UNA STORIA EMOZIONANTE CHE FA RIFLETTERE… “LA MISERIA COS’E'”

Ho letto questo racconto, credo sia una testimonianza molto emozionante, che lascia il segno e che fa molto pensare, vi consiglio di leggerla fino in fondo e condividerla per farla conoscere anche ai vostri amici, buona lettura.

La miseria ha la faccia tonda di una signora, in fila davanti a me, che chiede alla cassiera del supermercato quanto costano un paio di occhiali da lettura e che, ottenuta come risposta “1 euro”, solleva gli occhi verso suo marito accompagnando lo sguardo con un sorriso implorante. La miseria ha la faccia di suo marito che le prende quegli occhiali dalle mani, ci pensa qualche secondo, poi restituendole il sorriso li appoggia sul nastro e dice alla cassiera di aggiungerli al conto che, alla fine, sarà di 11 euro e qualche spicciolo. La miseria sono le mani screpolate di quest’uomo che apre il portafogli tira fuori una banconota da 10 euro e cerca nella tasca degli spiccioli per racimolare quello che manca. Cerca e cerca, tira fuori monetine di rame e un paio di metallo dorato le mette una vicino all’altra e no, non ci arriva. Non lo so quanto gli manchi, ma so quello che vedo: la frustrazione e il dolore di un uomo che tra un attimo dirà a sua moglie che quegli occhiali non li possono comperare. “Mi dispiace”, lo sento dire, mentre sono già lì con le mani nel mio portafogli per tirare fuori la differenza. E mi viene da piangere.

anziana[6]

Sono lì in fila alla cassa , carico di 1 sacco di croccantini che costituiranno i pasti dei miei cagnolini per qualche giorno e che da soli costano più del doppio di tutta la spesa di quella famiglia, e mi viene da piangere e mi vergogno come un ladro. Prendo in mano una manciata di spiccioli e dico al signore e a sua moglie che la differenza la metto io, che non si preoccupino, ci incontreremo di nuovo e mi offriranno un caffè. Provo anche a stiracchiarmi la bocca in un sorriso, ma mi sa che il mio tentativo sia un po’ deludente. Il signore e sua moglie mi guardano, loro sì che mi sorridono davvero, e lui, gentile, mi risponde che no, gli occhiali li prenderanno un’altra volta, grazie del pensiero. Io abbasso gli occhi sulla mia mano e guardo le mie monetine, le ricaccio nel portafogli e vorrei trovare le parole per scusarmi, che non volevo umiliarli, ma che conosco la tristezza di non vedere appagato un piccolo desiderio e che la so riconoscere quando la incontro.

Invece me ne resto muto e li guardo mentre iniziano a infilare in una vecchia sportina di plastica un po’ bucherellata quello che hanno comperato: un filone di pane, una confezione di prosciutto cotto, un barattolo di olive, due scatolette di una marca sconosciuta di tonno e una busta di insalata. “Così allora sono 10 euro e 38”, spiega la cassiera che ha le unghie di plastica, ricamate in maniera impossibile. “Tolga queste, per favore”, sento dire all’uomo mentre le restituisce le olive e le consegna la banconota da 10 euro, ottenendone in cambio qualche centesimo e neanche un buonasera dalla cassiera che mi fa segno di spicciarmi, è il mio turno di pagare. Ma io sono un po’ imbambolato a guardare la signora che sta imbustando la sua spesa con la lentezza dello sfinimento. Lavora piano con le mani, appoggia delicatamente ogni pezzo mentre io, che mi sono svegliato e ho già pagato le mie scatole di nasello, le caccio alla rinfusa nella busta nuova che ho chiesto alla cassiera.

Prima di andarmene mi giro a salutare la signora. E non lo faccio perché mi accorgo che ha gli occhi lucidi e le tremano un po’ le mani, forse è per questo che infilava le sue cose nella busta con tanta lentezza. Suo marito la lascia armeggiare. È tranquillo, mi viene da pensare al dolore che sta dietro quella tranquillità. Mi viene da pensare alla consuetudine delle piccole rinunce alla quale devono essere allenati entrambi. Passerà. Passa sempre, si solidifica in una nuova frustrazione che si ammonticchia su quella precedente e prepara il posto a quella successiva.

Sto zitto, per oggi ho già detto abbastanza, ho già dato un bel contributo a far venire gli occhi lucidi a quella signora. Me ne vado a testa bassa e con la vergogna che solo una borghese piccolo piccolo come me può provare davanti all’ingiustizia della miseria. “Arrivederci, grazie sa”, il signore mi tira per una manica mentre inalbera un sorriso che non mi so spiegare, che vorrei evitare perché è una lezione che non avrei voluto imparare. “Ma no, grazie di cosa, anzi mi scusi, davvero. Arrivederci a lei”.

Meno male che fuori è buio e che la mia macchina ha la luce interna fulminata perché a me non piace farmi vedere piangere, e del resto non piango mai. Oggi però faccio un’eccezione. Mi sento vecchio, mi sento stanco, ma so che non piango per questo. Piango per tutte quelle volte in cui quella signora e suo marito hanno lasciato indietro un barattolo di olive e un paio di occhiali da 1 euro, piango perché mi ricordo che io da giovane volevo fare la rivoluzione e cambiare il mondo e asfaltare le ingiustizie. Perché volevo cancellare la miseria dal mondo e vaccinarmi affinché mai mi toccasse. E invece a 51 anni la miseria la incontro ancora, la incontro più di prima. L’ho anche conosciuta: è stata la coinquilina della mia vita non troppi anni fa quando è capitato anche a me di chiedere alla cassiera di un altro supermercato di togliere un barattolo di olive. Ma io ero giovane , un lavoro che mi consentisse di assicurarmi il pane quotidiano prima o poi lo avrei ritrovato.

Ma quei due signori no: sono vecchi e magri e dritti come giunchi e per loro il futuro non riserva lavori promettenti e magari ben pagati. Riserva pensioni minime da fame, pensioni che impongono rinunce senza fine: ieri era un paio di occhiali e un barattolo di olive, domani sarà una visita specialistica a pagamento o un paio di scarpe buone.

Metto in moto, faccio manovra e vado a casa, per oggi il brutto della vita l’ho già avuto.

FONTE: http://www.huffingtonpost.it/news/la-vita-come/

Utilizziamo i cookie per essere sicuri che tu possa avere la migliore esperienza sul nostro sito. Accedendo acconsenti all'utilizzo dei cookies in accordo con la politica e regolamentazione vigente in materia di cookies e privacy. Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi