DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Aprile 9, 2020

Redazione DonnaWeb

Un passo contro l'estinzione dei panda - Due amanti riescono ad accoppiarsi dopo 10 anni "grazie" al coronavirus

Il coronavirus ha chiuso uno zoo con sede ad Hong Kong, i due panda hanno sicuramente ringraziato, perché finalmente hanno avuto un po' di privacy tale da potersi accoppiare.

L'accoppiamento di una specie con una libido molto bassa è stato accolto con gioia agli occhi di tutti gli ambientalisti, in quanto è una specie in via di estinzione.

Lo zoo ora spera che l'accoppiamento funzioni, afferma il New York Times.

Pubblicità

- Dopo che Ying Ying e Le Len sono arrivati ​​a Hong Kong nel 2007 e hanno iniziato a provare l'accoppiamento naturale nel 2010, sfortunatamente non sono stati in grado di farlo prima di quest'anno, dice Michael Boos, direttore di Ocean Park Zoo, alla rivista.

Lo zoo ha chiuso verso gennaio

Lo zoo è chiuso da gennaio a causa del coronavirus e forse era quella poca privacy e pace che erano i fattori di cui questa coppia di panda aveva bisogno.

Hanno vissuto insieme nello stesso frutteto per oltre 13 anni.

I grandi panda erano sull'orlo dell'estinzione fino a pochi anni fa, ma grazie all'importante lavoro delle organizzazioni di conservazione, la loro situazione nel mondo è migliorata.

Nel 2014, si stima che ci siano circa 1.864 panda selvatici allo stato brado in tutto il mondo.

I risultati sono attesi con impazienza

E chissà, forse presto il mondo avrà di nuovo un nuovo cucciolo di Panda se l'accoppiamento di Le Len e Ying Ying ripagherà.

- Un processo di accoppiamento naturale di successo è un trattamento molto raro per tutti noi oggi, perché dopo l'accoppiamento naturale, la possibilità di gravidanza è maggiore rispetto all'induzione artificiale, afferma Boos.

Una meravigliosa notizia, per l'universo dei panda, che purtroppo rischiavano l'estinzione.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram