DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Marzo 18, 2020

Redazione DonnaWeb

Un paramedico 47 enne, muore a casa ore dopo aver detto a sua moglie che stava bene

Un paramedico è morto dopo aver contratto il coronavirus. Il padre di 47 anni ha detto a sua moglie che stava bene poche ore prima di morire, secondo i media italiani.

Diego Bianco, è morto nella sua casa di Montello, nel nord Italia, dove viveva con sua moglie e il figlio di otto anni.

È stato testato per COVID-19 solo due giorni prima di morire dopo aver sviluppato alcuni sintomi di coronavirus .

Pubblicità

Il paramedico era andato a letto dopo aver registrato la febbre alta e aveva detto a sua moglie che sarebbe andato tutto bene, ma poche ore dopo stava per subire un arresto cardiaco mentre aspettava l'arrivo di un'ambulanza.

Sua moglie ha svelato le ultime parole del marito: “Puoi andare a dormire, mia cara, non morirò. Devo solo trovare una posizione comoda per addormentarmi. "

Lei rispose: "Perché, pensi che stai per morire?"

Massaggio cardiaco eseguito

Quando ha detto "no", lei gli ha sorriso ed è uscita dalla stanza, riferisce L'Eco di Bergamo .

Ma nelle prime ore del mattino ha scoperto che le condizioni di suo marito erano peggiorate, aveva difficoltà respiratorie e poi ha subito un infarto.

La moglie ha detto di aver dato a suo marito un massaggio cardiaco mentre aspettava l'arrivo dei servizi di emergenza.

Risultato dell'immagine per i paramedici italiani
Ambulanza italiana / Twenty20.com

I paramedici arrivarono poco dopo e fecero tutto il possibile per salvarlo, ma era tutto inutile purtroppo.

Diego, che è stato descritto da un collega come "sempre calmo, anche durante le emergenze", non aveva altre malattie prima del virus contratto, secondo sua moglie.

Ha trascorso tutta la sua vita ad aiutare gli altri

La moglie ha detto che suo marito ha trascorso tutta la sua vita ad aiutare gli altri - aggiungendo "era la sua missione", secondo un rapporto del quotidiano britannico The Mirror.

Diego lascia la moglie e il figlio di 8 anni.

A partire da lunedì 16 marzo l'Italia ha confermato oltre 21.000 casi COVID-19 e 1.441 morti, secondo La Repubblica .

Deserta Italia / YouTube

Dobbiamo fare di più per proteggere i nostri operatori sanitari in prima linea. Per favore condividi se sei d'accordo.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram