Tisane depurative al carciofo: smaltimento delle tossine e aiuto a far sgonfiare la pancia

Purificare il proprio organismo e raggiungere il peso forma desiderato sono due obiettivi che possono essere raggiunti più facilmente se si prende l’abitudine di bere con regolarità una tisana al carciofo. Questa, infatti, è una delle tisane depurative più efficaci per disintossicarsi e per eliminare i liquidi in eccesso. Usare le foglie di carciofo per preparare una tisana vuol dire anche riattivare la circolazione e fare in modo che la pancia si sgonfi. È vero che all’inizio il sapore può risultare un po’ amaro e non proprio gradevole ma con il passare del tempo ci si fa l’abitudine, anche perché i risultati che si noteranno renderanno molto più piacevole il consumo della bevanda.

Una tisana detox

Quella al carciofo è una tisana detox che aiuta a deputarsi, semplice da preparare a casa tutte le volte che si vuole: un rimedio naturale dalle infinite proprietà e dagli effetti quasi miracolosi, sia in termini di eliminazione delle tossine che per quanto riguarda la stimolazione della diuresi. Dopo aver mangiato molto, per esempio per una cena di matrimonio o per le abbuffate tipiche delle feste, ricorrere a una tisana al carciofo permette di depurarsi e drenarsi, per mezzo dell’azione svolta dalla cinarina. Per ogni litro di acqua occorrono 120 grammi di foglie fresche di carciofo o, in alternativa, circa 4 cucchiai di foglie essiccate; se proprio non si riesce a resistere al sapore intenso della tisana, nulla vieta di aggiungere un pizzico di zucchero o una goccia di miele per renderlo più dolce.

Come si prepara

La procedura da seguire per la preparazione di una tisana al carciofo è rapida e semplice al tempo stesso. Prima di tutto occorre riempire di acqua un pentolino e metterlo sul fuoco acceso. Dopo che l’acqua ha iniziato a bollire si possono versare le foglie di carciofo – che, in caso di utilizzo di quelle fresche, in precedenza saranno state lavate e pulite con attenzione – e si continua la cottura per un quarto d’ora. A questo punto si può spegnere la fiamma, ma le foglie devono rimanere in infusione per qualche altro minuto. Dopodiché il liquido può essere filtrato e consumato, così com’è o con l’aggiunto di zucchero o miele per dolcificare. Il consiglio è di bere questa tisana due volte al giorno, magari dopo i pasti.

Tutti i benefici offerti dalle tisane al carciofo

Preparare e consumare delle tisane utilizzando unicamente le foglie di carciofo è utile per chi ha la necessità di depurarsi, visto che si sta parlando di un rimedio naturale dagli effetti altamente drenanti. Le foglie del carciofo corrispondono alla parte esterna del frutto e risultano decisamente utili per l’organismo umano, in quanto contribuiscono allo smaltimento delle tossine e aiutano a far sgonfiare la pancia. Una vera e propria azione di purificazione, insomma, che risulta tanto più efficace se il consumo della tisana è prolungato nel tempo. Come si è detto, è consigliabile bere il preparato al termine dei pasti, non solo per agevolare la digestione, ma anche per limitare l’assorbimento dei carboidrati e dei grassi.

La tisana al carciofo per chi è a dieta

Le persone che seguono un regime alimentare specifico finalizzato al calo di peso, possibilmente con la supervisione di un medico, potrebbero pensare di ricorrere alle tisane al carciofo anche con l’obiettivo di combattere la ritenzione idrica. L’inulina e le altre fibre, inoltre, fanno sì che tale bevanda sia perfetta per le persone che soffrono di diabete, in quanto contribuiscono a limitare l’assorbimento dei carboidrati. La cinarina, a cui si è già fatto cenno, è un principio attivo che stimola la secrezione biliare, e quindi agevola la depurazione del fegato, oltre a incentivare la diuresi.

Le proprietà del carciofo

Le proprietà dei carciofi, e quindi degli infusi che vengono preparati con questo alimento, non finiscono certo qui. Stiamo parlando, infatti, di un ingrediente ipocolesterolemizzante, con proprietà benefiche nei confronti del sistema cardiocircolatorio, e che garantisce un ottimo apporto di potassio. Per di più è un eccellente antiossidante grazie al contenuto di acido clorogenico. Oltre che per la realizzazione di infusi, dunque, i carciofi meritano di essere utilizzati in tanti modi e di frequente in cucina, magari con la pasta o con il risotto, in qualità di contorni o come piatti unici davvero gustosi.