Studi dimostrano che le persone che dicono parolacce molto riescono ad essere affidabili e leali

Quando considerate le qualità che fanno un buon amico, probabilmente pensate a cose come lealtà, gentilezza e coraggio.

Ma delle persone che imprecano molto dicendo parolacce o cose simili? La gente potrebbe definirla inaffidabili e poco cortese, ma invece può indicare che quella persona è più intelligente in generale e vanta un vocabolario migliore, nonostante quello che potrebbe sostenere il consenso generale …

Shutterstock

Esatto, tutto ciò sull’ imprecare potrebbe essere un errore. Almeno questo è se si devono credere a certi studi.

Lo psicologo Timothy Jay del Massachusettes College of Liberal Arts ha scritto in uno studio intitolato “Why We Curse: A Neuro-Psycho-Social Theory of Speech”:  “Le parolacce sono state solo di breve interesse per psicologi e linguisti. L’assenza di ricerca sul linguaggio emotivo ha prodotto teorie del linguaggio educate ma imprecise. Le parolacce sono parole che non dovremmo dire; quindi, le stesse sono potenti “

Jay e una collega psicologa Kristi Janschewitz hanno lavorato a uno studio dal titolo “The Pragmatics of Swearing”.

Questo studio ha scoperto che coloro che imprecano hanno più probabilità di essere migliori amici di quelli che non lo fanno.

Perchè tutto questo?

La ragione? Apparentemente, è più probabile che siano onesti e genuini, perché sono più a loro agio a esprimere pensieri e sentimenti.

Lo studio ha anche trovato legami tra presunti criminali che hanno giurato innocenza. Quelli che non hanno imprecato erano più propensi a cercare di rimanere calmi per mascherare la loro colpevolezza.

Shutterstock

“Le persone che usano le parole tabù comprendono il loro contenuto espressivo generale e le distinzioni sfumate che devono essere utilizzate per usare le legature in modo appropriato”, sostiene lo studio di Jay e Janschewitz.

E per un punto bonus, Psychology Today cita uno studio che suggerisce che le imprecazioni potrebbero anche scongiurare il dolore.

I partecipanti dello studio che hanno usato ripetutamente le parolacce sono stati in grado di tenere la propria mano immersa nell’acqua ghiacciata per il 50% in più rispetto a quelli che non hanno fatto.

“La teoria NPS [neuro-psico-sociale] supera queste precedenti carenze visualizzando il linguaggio in un modo più completo che include discorso offensivo (cioè maledire) come elemento essenziale nella comprensione del linguaggio e nei processi di produzione. Il risultato è una visione più realistica del linguaggio umano “, conclude lo studio di Jay.

Così il gioco è fatto. Prove concreti (benché almeno parziali) sull’imprecare possano effettivamente essere una buona cosa. Se sei circondato da persone che imprecano molto, dopo tutto non potrebbe essere una brutta cosa!

Bene, io per esempio sono felice di questa notizia. 

Se tu o qualcuno che conosci impreca molto, condividi questo articolo su Facebook.