Se lavi il tuo pollo prima di cucinarlo, smetti subito se ci tieni alla salute

Come per tutte le cose della vita, ci sono molte cose da fatte nella cucina tradizionale che causano numerosi dibattiti.

Una che sta facendo scalpore negli ultimi tempi – è la scelta di lavare il pollo crudo prima di iniziare a cucinarlo.

Molte ricette nel corso degli anni hanno richiesto questo passaggio e, ammettiamolo, se hai una certa età è una pratica a cui ti sarai abituata. Dopotutto, non c’è nulla di pericoloso nel tentativo di liberare il pollame dai batteri sciacquandolo con acqua, giusto?

Bene, in realtà, potresti sbagliarti. Gli esperti sostengono che lavare il tuo pollo crudo è esattamente la  cosa sbagliata  se il tuo obiettivo è mantenere la tua cucina libera da batteri nocivi …

Shutterstock

Secondo Shared.com , un sondaggio della FDA ha rivelato che il 67% degli americani lava il pollo prima di cucinarlo. Ora, tuttavia, sembrerebbe che dare al pollo un risciacquo accurato potrebbe essere più dannoso che benefico.

Funzionari della sanità pubblica, esperti di germi e diversi chef di alto profilo avvertono le persone di smettere di lavare il pollo prima di cucinarlo.

La Food and Drug Administration degli Stati Uniti sta sconsigliando la pratica, poiché il risciacquo della carne cruda aumenta effettivamente le possibilità di diffondere agenti patogeni pericolosi, piuttosto che eliminarli.

Questa pratica non è raccomandata dagli esperti di sicurezza alimentare poiché il lavaggio non distruggerà i patogeni e potrebbe aumentare il rischio di contaminare altri alimenti e superfici“, afferma la FDA.

Shutterstock

Piuttosto, il modo più sicuro per garantire che il tuo cibo sia sicuro e privo di batteri, è cucinarlo alla temperatura raccomandata per il giusto periodo di tempo. Il calore elevato ucciderà i batteri che causano malattie di origine alimentare come la Salmonella.

Così il gioco è fatto. Se di solito lavi il tuo pollo – io stessa sono colpevole di questo – in questo momento è probabilmente un buon momento per smettere. 

Cosa ne pensi di queste nuove informazioni? Se hai trovato utile questo articolo, CONDIVIDI per diffondere la parola alla tua famiglia e ai tuoi amici su Facebook.