Scoperta la molecola “dell’eterna giovinezza” ringiovanire ora è possibile

In pratica sono state ringiovanite alcune cellule staminali del sangue in un topo anziano, trasferendo poi un gene chiamato della longevità. E’ stato così che l’orologio molecolare dei topi è tornato indietro nel tempo e le cellule a quanto pare, avrebbero recuperato la capacità di generarsi di nuovo.

Questo caso sembra riportarci un film alla mente, ricordate lo strano caso di Benjamin Button? Il protagonista del film interpretato da Brad Pitt che nasceva anziano e invece di invecchiare ringiovaniva.

Il gene che farebbe ringiovanire si chiama Sirt, è una proteina che svolge un importante ruolo, quello di aiutare le vecchie cellule nel sangue a fronteggiare lo stress, nei topi sottoposti a questo trattamento subito dopo è aumentata la produzione di cellule nuove nel sangue, e questo dimostra, secondo gli scienziati che sarebbe possibile rendere reversibile il declino, dovuto all’età, delle cellule staminali.



Si sapeva già che le sirtuine regolano l’invecchiamento ma questo studio è stato il primo che ha dimostrato come queste proteine siano in grado in invertire il processo d’invecchiamento dovuto alla degenerazione.

Questa scoperta sembra ai limiti della fantascienza, non credete? Davvero notevole il risvolto che potrebbe portare a certe malattie degli anziani quali il morbo di Parkinson o l’Alzheimer.