Ragazzo in sedia a rotelle riesce a laurearsi il giorno prima della sua morte – La sua storia è diventata virale

Apprezza ogni singolo secondo della tua vita , perché ogni volta che fai un respiro, qualcun altro designa l’ultimo.

Un giorno dopo la laurea di questo ragazzo in una sedia a rotelle dotata della pompa per l’ossigeno ossigeno, Joemar Kenik Mangkok scompare Mercoledì 27 marzo.

Il venticinquenne aveva combattuto reumatismi cardiaci negli ultimi cinque anni, ma ha perso la sua battaglia un giorno dopo che la sua storia di coraggio è diventata virale.

La sorella di Joemar, Lyn Mangkok-Ayob, ha dichiarato a Inquirer.net che suo fratello era effettivamente morto, confermando che era stato portato a casa di sua madre.

“Dito po siya ngayon [nakaburol] sa bahay ng mama namin. Dito po inuwi, “disse Ayob. (È stato portato qui a casa di nostra madre, la sua famiglia è qui.)

Coraggioso come pochi

Ciò che rende la storia di Joemar ancora più incredibile è la sua capacità di recupero di fronte a circostanze davvero terribili.

Il venticinquenne si è laureato al college martedì 26 marzo, con una laurea in Scienze della formazione, presso il Southern Mindanao Institute of Technology Inc. a Datu Paglas, Maguindanao.

Nonostante sia gravemente malato, Joemar è stato in grado di affrontare l’esame ed alzare un pugno al cielo in segno di trionfo. Il suo serbatoio di ossigeno lo ha accompagnato sul palco, ma il sorriso non ha mai lasciato la sua faccia.

Subito dopo la laurea, Joemar è stato ricoverato in ospedale, dove è andato in coma il giorno successivo.

È morto prima dell’alba del 28 marzo, lasciando un’eredità ispiratrice degna di nota secondo gli standard di chiunque.

Rimanere coraggiosi di fronte a tali avversità non è un’impresa da poco. Joemar potrebbe infine aver perso la sua battaglia contro le malattie cardiache, ma le sue azioni continueranno a impressionare la gente del bisogno di apprezzare la propria vita e non dare nulla per scontato.

Riposa in pace, Joemar! Stiamo inviando tutti i nostri pensieri e amore alla sua famiglia.

Se vuoi fare lo stesso, condividi questo articolo su Facebook e sosteniamo la storia di Joemar.