Ragazzina di 14 anni muore durante un pigiama party – Adesso la madre avverte tutti i genitori

Non c’è niente al mondo che non farei per proteggere i miei figli .

So di non essere la sola a pensarla così: è naturale che qualsiasi genitore cerchi di garantire che i loro bambini siano protetti dai danni, non importa l’età.

Ecco perché nella vita ci sono alcuni pericoli che nemmeno le mamme ed i papà non riescono a tenere a bada. L’idea che uno dei miei figli possa finire ferito o peggio, mi terrorizza, ed è una vera paura dato che non posso essere ovunque, controllare tutto il suo tempo.

Quando Lori Earp ha dato il permesso a sua figlia di 14 anni, Ashley, di andare ad un pigiama party per un compleanno, lo ha fatto pensando che sarebbe stata una notte come le altre. Il piano era che Ashley rimanesse con un’amica e il suo compagno – che aveva già incontrati. La casa era a cinque minuti a piedi.

Lori non sapeva che il fatidico sabato stava per sconvolgere la sua vita.

Mentre Lori scrive su LoveWhatMatters , sua figlia voleva diventare una biologa marina da grande. Era una bambina gentile e premurosa che evitava i problemi e andava bene a scuola.

Fu così che quando venne invitata ad una festa di compleanno a casa di un’amica, Lori non ebbe esitazioni nel dire di sì. Quando arrivò il giorno, Ashley era di buon umore. Ha intrecciato i capelli della sua sorellina e ha salutato sua madre e il suo patrigno verso le 14:00

Le dissero di fare attenzione e sopratutto che lei chiamasse per sapere come andava la festa verso le 18:00

Sono arrivate le 18:00 e Ashley ha chiamato come previsto. Le cose andavano bene, le ragazze si stavano divertendo.

Poi, alle 22:30, il telefono di Ashley squillò di nuovo, svegliò la mamma da un sonno profondo. Quando lei rispose, era un agente di polizia….

Le disse che aveva bisogno di recarsi in ospedale nella vicina Medford: il personale medico stava lavorando sulla salute di Ashley.

La confusione regnò sovrana. Medford era una città a 15 minuti da dove viveva Lori, e Ashley avrebbe dovuto essere in una casa a soli cinque minuti a piedi.

Quando arrivarono all’ospedale, Lori e il suo compagno furono portati in una piccola stanza vicino al pronto soccorso. Dopo una lunga attesa, sono stati accolti da un medico, un’infermiera e un consulente. Ashley era morta.

Il medico ha spiegato che Ashley era deceduta a causa dell’asfissia causata dall’inalazione di elio. Lori avrebbe poi appreso come Ashley e le sue amiche avevano lasciato la città per qualche strana ragione. La madre della ragazza del compleanno si era ammalata anche lei, e così aveva spostato la location del pigiama party senza informare gli altri genitori.

La donna che ora supervisionava il pigiama party non solo portava alcolici, ma portava anche le ragazze a casa dei vicini. Sono tornati con tre uomini di trenta anni, che non solo hanno bevuto con i minori, ma hanno anche portato un serbatoio di elio.

Uno degli uomini che portò il serbatoio incoraggiò Ashley e i suoi amici a farne uso. Ognuno di loro fece un giro, con Ashley che era l’ultima del cerchio. Era titubante nel provare l’Elio, ma l’uomo insistette che fosse al sicuro.

Mentre Lori scrive,  inalò l’Elio e ne seguì una risata. Nel mezzo delle sue risate, tuttavia, è crollata a terra. Tragicamente, non poteva essere salvata.

Quella doveva essere un’esperienza di routine per sua figlia è diventata la peggior notte della vita della madre Lori. Ora, mira a educare gli altri sui potenziali pericoli dell’elio e ha creato una pagina Facebook e pubblicato due libri sull’argomento.

Una tragica fine di una vita promettente e che dovrebbe servire da promemoria dell’imprevedibilità delle cose.

Condividi questa storia per diffondere l’avvertimento di Lori riguardo all’elio. Non si sa mai, potrebbe salvare una vita!