DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Dicembre 16, 2018

Redazione DonnaWeb

Ragazza va al salone di bellezza per fare le estensioni alle ciglia, esce del tutto senza ciglia

La 35enne Benyapa Supap  aveva deciso di recarsi in un salone di bellezza per farsi fare le estensioni della ciglia, salvo poi ritrovarsi senza ciglia dopo che l’estetista avrebbe usato una colla rapida per fissare le estensioni, lasciando così la donna incapace di aprire gli occhi. 

L'estetista avrebbe usato una colla ad asciugatura rapida

È davvero incredibile quanto successo alla sventurata donna. Dopo aver visitato il salone Hair Infinity, a Phuket, ha pagato 1.500 baht, circa 40 euro, per avere delle ciglia “super model”. Al momento di attaccare le nuove ciglia folte, però, l’estetista avrebbe usato una colla ad asciugatura rapida invece della colla cosmetica professionale. Nel giro di pochi minuti le palpebre di Benyapa hanno iniziato a gonfiarsi e quando ha battuto le palpebre, le ciglia si sono incastrate non consentendole più di aprire gli occhi.

Pubblicità

 “Mi sono appena trasferita in zona, quindi non ero sicuro di quali posti siano buoni”, ha raccontato Benyapa Supap. Per la versione oltre il danno, la beffa, il salone ha comunque voluto essere pagato, offrendo solamente un piccolo sconto, 1.000 baht anziché 1.500.

Benyapa è rimasta senza ciglia

Per fortuna la giovane donna è riuscita a trovare un’altra estetista che ha passato un’ora a togliere le ciglia e a pulire le palpebre. All fine del trattamento Benyapa ha potuto riaprire gli occhi, ma è rimasta senza ciglia. “Mi sono sentita così dispiaciuta per Benyapa. È stato molto doloroso per lei mentre lo facevamo”, ha dichiarato Fara, l'estetista che ha aiutato la 35enne a risolvere il problema. “Rimuovere la colla non è stato facile. Era molto forte. La colla era penetrata nella presa delle palpebre e degli occhi e causava gonfiore e dolore”.

Per quanto concerne Benyapa, la ragazza ha dichiarato di aver avuto dolore agli occhi per alcuni giorni dopo l’incidente, ma che il salone si rifiuta di assumersi la responsabilità per quello che è successo. “Sono rimasta dolorante per tre giorni. Il mio ragazzo è tornato al negozio il giorno dopo, ma non gli hanno restituito i soldi e sono stati molto scortesi con lui. Sono andata alla polizia ma hanno detto che non c’è niente che possano fare al riguardo”.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram