DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Maggio 17, 2020

Redazione DonnaWeb

Questi gemelli miracolosi nascono da due padri diversi – Le foto sono presto diventate virali

La scienza moderna è davvero una meraviglia. I continui progressi in tutti i campi migliorano la nostra vita ogni giorno, e forse da nessuna parte questo miglioramento è riconosciuto più che nel campo della medicina .

Medici e scienziati trovano sempre nuovi modi per curare o porre rimedio alle malattie, oltre a fare passi da gigante quando si tratta di assicurare la continuazione della nostra specie.

Basta chiedere a due papà di Londra, che devono ringraziare la medicina per aver permesso a entrambi contemporaneamente di essere genitori biologici degli stessi gemelli allo stesso tempo. Simon e Graeme Berney-Edwards sarebbero stati perdonati per essersi aspettati che solo uno di loro sarebbe stato in grado di fornire il seme con cui essere impiantato in un ovulo tramite la fecondazione in vitro.

Pubblicità

Potete immaginare la loro sorpresa, quando i medici hanno detto loro che questo non era il caso; che potrebbero  essere entrambi  padri condividendo la stessa madre

Facebook / Simon Berney-Edwards

Secondo il Daily Mail , il viaggio di Simon e Graeme è iniziato quando hanno iniziato a indagare sull’idea di maternità surrogata nel loro paese d’origine, l’Inghilterra.

Tuttavia, non passò molto tempo prima che incontrassero determinati ostacoli. Innanzitutto, possono essere necessari fino a sei mesi per ottenere l’ordine dei genitori di cambiare il genitore del bambino dalla madre naturale a qualcun altro, una volta che il bambino è stato consegnato.

Simon e Graeme si sono quindi rivolti al processo di cercare di trovare un modo per essere legalmente genitori sul certificato di nascita del loro bambino dal momento in cui è nato.

Surrogate of Twins
Facebook / Meg Seroski-Stone

Come spiega Meg( la madre dei gemelli): “Ho visto il profilo di Simon e Graeme su un sito web di maternità surrogata e ho pensato che avessero dei sorrisi adorabili.

“Mi ero appena separato con il mio compagno ed ero pronta per un altro bambino.”

Con Meg disponibile, gli uomini hanno deciso di usare un donatore di uova per aggiungere l’ultimo pezzo del loro puzzle. Sono volati a Los Angeles nella convinzione che solo uno dei loro campioni del liquido sarebbe stato usato per fertilizzare l’uovo.

“Non potevamo decidere chi sarebbe stato il padre biologico.”

Surrogate of Twins
Facebook / Graeme Berney-Edwards

Fu quando arrivarono a Los Angeles, che il loro dottore li sorprese con una risposta veramente inaspettata.

“Quando abbiamo parlato con il dottore in clinica, ci ha stupito con la sua risposta. Ci ha detto che potremmo essere entrambi i padri. Hanno detto che avremmo potuto fertilizzare metà degli embrioni con il mio seme e poi la metà con il seme di Graeme “, ha detto Simon.

Simon e Graeme si sono sposati poco dopo e hanno deciso di andare in luna di miele in Canada per poter incontrare il loro sostituto.

“Incontrare Meg era come ritrovarsi con una sorella perduta da tempo. Ci avvolse entrambi in un abbraccio prima di presentarci ai suoi adorabili fanciulli. Non abbiamo come ringraziarla. Le abbiamo detto che eravamo così grati a lei – stava cambiando non solo le nostre vite ma anche le nostre famiglie “.

Nascita

Solo sei mesi più tardi, un embrione fecondato da ciascuno degli uomini fu inserito nell’utero di Meg. Da lì era una strada rocciosa piena di incertezze, fino a quando Meg chiamò Simon e Graeme e disse loro che era incinta. Non saprebbero se entrambi gli embrioni avevano preso per alcune settimane.

Come Simon ha descritto: “Meg per noi ci ha mandato un video dalla sala di scansione. Prima di tutto, abbiamo visto un battito cardiaco.

“Poi abbiamo visto l’altro. Graeme e io ci siamo appena abbracciati. Eravamo al settimo cielo. Entrambi saremmo stati papà: era incinta di entrambi i nostri bambini “.

La coppia e Meg hanno mantenuto contatti regolari durante tutta la gravidanza, mentre Simon e Graeme si sono recati in Canada per stare con la surrogata della sua scansione di 19 settimane.

Fu a questa scansione che furono in grado di mettere le mani sullo stomaco di Meg e sentire i loro bambini prendere a calci la pancia.

“Abbiamo avuto modo di incontrare anche la sua famiglia, il che è stato bello. E ‘stato bello vederla essere una mamma per i suoi figli. Sapevamo che i nostri bambini erano nelle migliori mani possibili “, ha detto Simon.

Gemelli
Facebook / Graeme Berney-Edwards

La coppia è volata di nuovo in Canada dopo 31 settimane, dopo che Meg aveva inviato loro un messaggio che diceva che stava soffrendo e pensava che stesse andando in travaglio.

In volo verso il Canada

“Abbiamo fatto le valigie e preso il primo volo per il Canada”, ha detto Simon. “Ma mentre eravamo in aereo non potevamo contattare Meg per scoprire cosa stava succedendo. L’attesa era angosciante. “

Alla fine, però, si è rivelato un falso allarme. Anche così, Simon e Graeme rimasero in Canada fino a 36 settimane, quando Meg era pronta a partorire. La loro figlia, Alexandra, è nata per prima, seguita dal loro figlio, Calder, pochi minuti dopo.

Simon ricorda: “Quando li tenemmo entrambi per la prima volta, non potevamo credere che eravamo entrambi i papà. Era una lunga strada da fare insieme, ma valeva la pena sia di essere in grado di aver generato uno dei gemelli ciascuno. “

Anche se i gemelli sono tecnicamente fratellastri, sono ancora classificati come gemelli. Stanno vivendo felicemente in ​​Inghilterra, Simon e Graeme hanno invitato Meg a visitare i loro primi compleanni.

“È stato incredibilmente speciale averla lì per festeggiare il giorno speciale dei gemelli con noi. È un duro lavoro avere due bambini, ma Graeme e io diamo il massimo per loro. “

Gemelli surrogati
Facebook / Simon Berney-Edwards

Il loro viaggio è stato lungo e non convenzionale, ma Simon e Graeme sono ora genitori amorevoli di una bambina e un bambino. Grazie alle meraviglie della medicina moderna sono stati in grado di fare qualcosa che persino dieci anni fa poteva essere completamente impossibile.

Il vero amore non ha colore, né credo, né sesso. È riconosciuto da coloro che sono disposti ad accettarlo e danno il loro tutto. Siamo così felici che i loro figli cresceranno in una famiglia felice!

Se questa storia ti fa sorridere, condividila per diffondere l’ispirazione su Internet!

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram