Queste 4 cose possono causare l’Alzheimer

L’Alzheimer è una malattia che ci fa dimenticare le cose anche quando sembrano le più semplici da ricordare.

Decenni di ricerche hanno dimostrato che l’accumulo di proteine ​​tossiche nel cervello, chiamate beta amiloide e tau, possono causare l’Alzheimer. Ciò che è meno chiaro è la che causa l’accumulo di queste proteine.

Alcuni nuovi studi hanno iniziato a spiegare questo processo, rivelando che le cause dell’Alzheimer vanno oltre le abitudini genetiche e insalubri (sebbene questi siano anche fattori importanti). Quindi dopo ti diremo 4 cose che possono causare l’Alzheimer.

4 cose che possono causare l’Alzheimer

Consumare farmaci anti-ansia

Alcuni tipi di farmaci, chiamati benzodiazepine, che includono farmaci popolari come lorazepam, alprazolam e clonazepam, sono frequentemente usati per trattare l’ansia e l’insonnia.

Sebbene gli studi che stanno valutando la sicurezza e l’efficacia di questi farmaci, contemplano solo l’uso a breve termine (di solito tre mesi o meno), molte persone li usano da molto tempo.

Uno studio pubblicato sul British Medical Journal monitorato a 796 mila canadesi con la malattia di Alzheimer e 184 sani 7000 per sei anni e ha scoperto che l’assunzione di benzodiazepine per più di tre mesi, è stato associato ad un aumento del 51 per cento del morbo di Alzheimer.

Se assumi benzodiazepine occasionalmente, probabilmente non corri alcun rischio.

Ma se l’ansia e l’insonnia sono frequenti, considera le terapie cognitivo-comportamentali, che si sono dimostrate efficaci nel trattare entrambe le condizioni senza il potenziale effetto collaterale del farmaco.

Battere la testa molte volte

Secondo i dati del Colonna e del programma di lesioni cerebrali all’Università di Pittsburgh, molti di noi hanno familiarità con i pericoli della lesione alla testa.


La maggior parte delle persone guarisce solitamente senza alcuna complicazione ma per alcuni l’infiammazione che aiuta a danneggiare il tessuto cerebrale danneggiato diventa una malattia.

È qui che troviamo il potenziale legame con l’Alzheimer, spiega il dott. Brian Giunta, psichiatra e neuroscienziato dell’Università del Sud della Florida.

Le cellule del cervello, chiamate microglia, svolgono un ruolo importante nell’infiammazione. “Quando le microglia sono in uno stato pro-infiammatorio costante, sono meno in grado di eliminare i beta-amiloidi dal cervello”, afferma Dr Giunta.

Senza la microglia che pulisce le proteine, possono accumularsi nel cervello e uccidere i neuroni.

Insonnia

Secondo uno studio pubblicato su Neurobiology of Aging, oltre a mettersi al volante e causare voglie notturne, la mancanza di sonno può anche accelerare lo sviluppo dell’Alzheimer.

In un test di Alzheimer con topi, il dott. Praticò e i suoi colleghi hanno scoperto che lasciarli senza dormire per quattro ore ogni notte aumentava la quantità di proteina tau nel loro cervello. Ciò ha anche alterato l’apprendimento e la memoria, così come il modo in cui i neuroni comunicano tra loro.

La privazione cronica del sonno, spiega il dott. Praticò, produce stress nel cervello e nel corpo (perché sei così stanco), che accelera processi dannosi che causano l’Alzheimer.

Solitudine

Uno studio sul Journal of Neurology, Neurosurgery e Psychiatry ha identificato i legami tra solitudine e sviluppo della demenza.

I ricercatori hanno scoperto che la sensazione di solitudine negli anziani aumentava le loro possibilità di sviluppare la demenza di 1,63 volte durante i tre anni in cui lo studio è durato.

Gli scienziati non sanno ancora cosa causa questa relazione, ma le implicazioni sono chiare: restare in contatto con diverse persone fa bene.