DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Gennaio 3, 2020

Redazione DonnaWeb

Quella volta in cui La principessa Diana confortò una donna che piangeva nella tomba del figlio deceduto

La famosa principessa del Galles continua a ispirare il mondo, anche se è morta più di 20 anni fa. Anche ora sentiamo storie della sua enorme bontà e della sua unica compassione, e per questo motivo, ricordiamo perché è diventata conosciuta come "La principessa del popolo"

Diana era nota per il fatto che non c'era un paese troppo lontano per lei, non esisteva confine che non potesse attraversare per aiutare gli altri. E dopo oltre 20 anni dalla sua morte, guardiamo indietro a un fatto che dimostra come sempre, che era troppo buona per questo mondo.

Poche settimane prima della sua tragica morte, avvenuta il 31 agosto 1997, Diana era in viaggio umanitario in Bosnia come parte della sua lotta per sensibilizzare sull'esistenza delle mine antiuomo.

Pubblicità

Diana è stata accompagnata da Ken Rutherford e Jerry White in questo viaggio, che sarebbe stato l'ultimo.

Nel 2017, quasi 20 anni dopo il giorno della sua morte, la coppia ha raccontato il viaggio per un documentario della HBO intitolato "Diana, nostra madre: la sua vita e eredità".

Secondo Entertainment Weekly , Rutherford e White hanno condiviso diverse storie del loro viaggio con Diana in Bosnia, anche se forse è stato White a partecipare maggiormente al documentario.

Era una deviazione non pianificata al cimitero di Sarajevo il 10 agosto 1997.

White ricorda:

“L'immagine di lei in un cimitero a Sarajevo, l'ultimo giorno del nostro viaggio di tre giorni mi perseguita ancora. Non è stato pianificato. Non è mai stato sul nostro itinerario. Ma Diana mi ha detto tre volte "Non riesco a togliermi dalla mente questa immagine di me in un cimitero".

“Mi ha chiesto se c'era un cimitero vicino, dato che era qualcosa che avrebbe voluto visitare. "Jerry, ho questa sensazione, questa mia immagine in un cimitero, è strano." Siamo arrivati ​​in ritardo per il ricevimento finale e questa deviazione non era prevista, ma misteriosamente la principessa Diana sembrava inflessibile.

“Quindi, ci siamo diretti verso l'ex stadio olimpico che era diventato un enorme cimitero per i morti durante la guerra. Ho visto Diana prendere il suo posto tra centinaia di lapidi. Era strano, ora che ci rifletto. " Camminava lentamente, tra lapidi e persino tra rose gialle.

“Ha incontrato una madre bosniaca sdraiata sulla tomba di suo figlio, visibilmente commossa. Diana non parlava bosniaco e neanche la donna triste conosceva l'inglese. Poi si sono abbracciate in modo così emotivo, fisico e intimo, da madre in madre ”

White ha continuato: “Era Diana, intenta a togliere le lacrime dalle guance i quella madre. È l'unica fotografia incorniciata di Diana che ho ancora in casa mia.

“Dopo la sua morte a Parigi, poche settimane dopo, mi sono chiesto se la principessa avesse percepito la propria morte, il suo funerale. Non lo so, ma forse, psichicamente o intuitivamente, Diana sentiva che sarebbe morta. Rabbrividisco ancora quando ricordo quel momento potente, non scritto e non pianificato, in qualche modo profetico ”.

Questa è la Diana che tutti ricordiamo e amiamo. Metteva sempre gli altri al primo posto e non conosceva limiti quando sognava un futuro migliore per tutti noi.

La principessa Diana morì tragicamente il 31 agosto 1997. Se non fosse stato così, chissà quante altre cose incredibili avrebbe realizzato.

Aiutaci a onorare il ricordo di questa meravigliosa donna condividendo questo articolo su Facebook.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram