DonnaWeb - Il mondo delle donne a portata di click

Novembre 9, 2020

Redazione DonnaWeb

Pranzo in ufficio: come organizzarsi?

“Non si può pensare bene, amare bene, dormire bene, se non si ha mangiato bene” -  non siamo noi a dirlo ma la celebre Virginia Woolf, che di traguardi e successi ne ha raggiunti un bel po’. Come fare a seguire un regime alimentare sano quando si pranza in ufficio o fuori casa?

Il pranzo in ufficio, se non organizzato adeguatamente, può sottrarci alla lunga il piacere dello stare in tavola. Chi dice però che pranzare a lavoro non possa essere comunque un’esperienza appetitosa?

Come mangiare bene fuori casa

Pubblicità

Il mondo moderno ci spinge a sostenere ritmi sempre più frenetici. La voglia di portare avanti un’impresa o di farsi notare per ottenere una promozione sono ragioni abbastanza valide per arrivare in ufficio prima degli altri ed uscirne un’ora più tardi.

Ridurre al minimo il tempo per sé però non è mai una scelta sana, così come non lo sono gli snack del distributore o i pranzi striminziti che vengono consumati tra la scrivania e il computer. Nell’articolo di oggi, qualche suggerimento per iniziare a riappropriarsi del proprio tempo partendo dalla pausa pranzo in ufficio.

Mangiare in ufficio: mai più senza kit portapranzo

Seguire un’alimentazione sana a volte è una sfida, specie quando bisogna sottostare ad orari molti rigidi e non si ha il piacere di pranzare a casa. Riuscire nell’impresa, tuttavia, è possibile: il segreto risiede in una buona organizzazione. Con il supporto di scaldavivande e kit portapranzo possiamo dire addio al distributore automatico o al pane raffermo del bar accanto all’università.

Lo scaldavivande è infatti uno strumento preziosissimo per chi abitualmente pranza fuori casa.

 Il recipiente permette una perfetta conservazione degli alimenti, dando la possibilità a studenti e professionisti di riappropriarsi del piacere di un pasto caldo e genuino. 

L’acquisto di un portapranzo termico, inoltre, torna utile anche a chi è solito affrontare lunghi spostamenti in auto per lavoro, oppure a chi ama viaggiare, fare escursioni e pic-nic all’aria aperta.

L’ausilio di un kit portapranzo, insomma, può dirsi prezioso in tante occasioni ma più di tutto costituisce il “mai più senza” di tutti gli impiegati che lavorano a tempo pieno. 

Meal prep: il segreto per un pranzo salutare e veloce

Le amanti del healthy food lo sanno: il meal prep è la soluzione per chi, pur avendo poco tempo da destinare alla preparazione di un buon pasto, non intende rinunciare ad un pranzo genuino e salutare. Con l’espressione “meal prep” si fa riferimento all’abitudine di preparare in anticipo i pasti della settimana.

Sul web ci sono tante ricette da provare: è importante ovviamente scegliere delle preparazioni culinarie che sappiano prestarsi bene alla conservazione e mostrarsi ugualmente succulente in tavola.

Scaldate del riso, tagliuzzate delle verdure o preparate una zuppa da riporre in frigo. La domenica è il giorno giusto per dedicarvi a questo lavoro di preparazione.

Il cibo prodotto dovrà solo essere riscaldato e riposto nel kit portapranzo la mattina.

Gli ingredienti da acquistare sono riso, verdure in abbondanza, uova, succo di pomodoro e legumi.

linkedin facebook pinterest youtube rss twitter instagram facebook-blank rss-blank linkedin-blank pinterest youtube twitter instagram