Per le donne, uno dei luoghi più pericolosi al mondo è la propria casa : lo afferma una ricerca

Quando pensi ai luoghi in cui si cela il pericolo più grande, probabilmente vengono in mente solo alcuni distretti di una città o zone di guerra.

Di estrema importanza anche il tempo, ovvero che si tratti di giorno o di notte, questa caratteristica svolge un ruolo cruciale. In particolare, le donne sono avvisate di non essere sole al buio per non avere di fronte possibili aggressori.

Tutto sommato, si può tranquillamente affermare che le donne sono avvertite nella vita quotidiana di molti più pericoli rispetto agli uomini.

Le Nazioni Unite hanno intrapreso uno studio familiare in questo contesto e i risultati sono estremamente allarmanti.

La tua casa o appartamento dovrebbe in realtà essere considerata un santuario e una zona protettiva, uno spazio di vita in cui puoi muoverti liberamente e non avere paura di nulla.

Ma i risultati che le Nazioni Unite hanno condiviso con il pubblico nel loro studio familiare, dimostrano tutt’altro, ha riferito Spiegel .

In effetti, queste indagini hanno rivelato che tre miliardi di donne vivono in paesi in cui lo stupro coniugale non è proibito. Questo trasforma questo rifugio in uno dei posti più pericolosi al mondo per le donne.

L’Organizzazione delle donne delle Nazioni Unite, o in breve Donne dell’ONU, ha scoperto nel loro studio intitolato “Famiglie in un mondo che cambia” che le donne in tutto il mondo sono sotto-protette dalla violenza domestica.

Ha esaminato 189 paesi e territori in cui vivono tre miliardi di donne e in 111 di esse lo stupro coniugale non è punibile. In 19 paesi, le donne sono anche legalmente obbligate a obbedire agli uomini.

Il momento di cambiare

Nella prefazione allo studio, il CEO delle Nazioni Unite Phumzile Mlambo-Ngcuka si lamenta che le leggi sulla famiglia stanno cambiando molto lentamente e che le donne in molte parti del mondo non possono decidere liberamente chi e quando sposarsi o divorziare.

L’esperto delle Nazioni Unite, d’altra parte, vede “grandi passi avanti nella lotta alla discriminazione istituzionalizzata contro le donne”, mentre i cambiamenti nello spazio pubblico sono più facili che in quelli privati. Allo stesso tempo, sarebbero urgentemente necessarie misure lì.

Tuttavia, Mlambo-Ngcuka conclude:

“La diffusione scioccante della violenza nel partenariato significa che la casa è statisticamente uno dei luoghi più pericolosi per una donna”.

I numeri sono davvero più che spaventosi per le donne in questo mondo.

È giunto il momento che alle donne dei paesi e territori interessati vengano concessi più diritti e sia loro permesso di vivere la vita di una persona privilegiata.

Condividi questo articolo se pensi che le donne abbiano bisogno di più protezione e che debbano avere gli stessi diritti degli uomini.